Il campione olimpico Jacobs “pensa” al record mondiale dei 100 metri

Dopo aver vinto il suo titolo olimpico a sorpresa a Tokyo la scorsa estate, Lamont vuole di più Marcel Jacobs. Il velocista italiano sta ora contemplando il record mondiale dei 100 metri, ha dichiarato domenica nell’ambito del Festival dello sport in Italia.

Usain Bolt è riuscito a vincere, con sorpresa di tutti, il titolo olimpico dei 100 metri a Tokyo la scorsa estate, sognando di rubare il suo record mondiale: l’appetito di Lamont non si è placato Marcel Jacobs. Il 27enne velocista italiano, che ha preso una pausa fino al 2022 dopo la sua incoronazione giapponese, non ha nascosto le sue ambizioni domenica, nell’ambito del festival sportivo organizzato dalla Gazzetta dello Sport in Italia.

“Quando ti alleni, devi sempre puntare al massimo. Non puoi mai accontentarti. Allora perché non sognare in grande? Non lo dico, ma penso di sì”, ha parlato del record del mondo. Usain Bolt ha registrato un miglior tempo di 9,58 a Berlino nel 2009. Il suo miglior tempo è di 9,80 sui 100 metri. Era a Tokio.

Ma Marcel Jacobs ha un altro obiettivo da campione del mondo. I prossimi mondi si svolgeranno nel luglio 2022 a Eugene, negli Stati Uniti. Tuttavia, l’italiano nato in Texas sa che la competizione sarà dura. Soprattutto ora che l’elemento sorpresa è stato cancellato.

Mondi nel fuoco incrociato

“A Tokyo, il mio obiettivo era la finale, ma ho lasciato la porta aperta, dice il corridore. Il mio allenatore mi ha chiesto cosa volevo portare dalle partite e io ho risposto: ‘una medaglia’. Il podio sarebbe stato deludente . Prima della finale ero molto stanco e ho detto loro ‘No’. Ce la posso fare.” La vittoria di Jimbo Tampere mi ha aiutato (alzandosi poco prima della nota del redattore.) Quando sono arrivato alla linea, ho pensato “Questo, io vinto.” Perché valevano più oro di me? “

“Ho già la testa per il prossimo anno, e ora puntiamo ai mondiali, insiste Jacobs. Sarà dura perché tutti vogliono riprendersi quello che ho preso da loro”.

Come promemoria, il titolo di Marcel Jacobs alle Olimpiadi di Tokyo ha presto seguito l’inizio della controversia: il Times ha sollevato sospetti di doping nell’entourage del velocista 27enne, con un’indagine sull’ex dietista. Aveva risposto sulla stampa smentendo e ricordando la sospensione temporanea di un passeggero inglese (Chinjindu “CJ” Ujah, Medaglia d’argento 4x100m): “Sarebbero stati meglio guardare la casa prima di andare ad attaccare gli altri senza alcuna prova, afferma. Quindi questa cosa mi fa sorridere un po’, perché una settimana fa sono state dette molte cose false su di me e ora sono stati trovati a casa. Il primo corridore si rivela positivo”.

READ  Roma: Mourinho vuole Rui Patricio

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *