Il Cairo International Film Festival in Marocco presenta 3 film

Il 44° Cairo International Film Festival si terrà dal 13 al 24 novembre. Il Marocco rappresenta tre lungometraggi. “Jalal El-Din” di Hassan Benjelloun, “Bella” di Mohsen Al-Basry e “Oasis of Frozen Waters” di Raouf Sibahi.

Un gruppo di artisti egiziani e arabi ha calcato il tappeto rosso durante la cerimonia di apertura, a cui hanno fatto seguito tutte le parti del mondo arabo. Il presidente del festival, Hussein Fahmy, ha evidenziato le numerose sfide affrontate da questi 44e Edizione più contenuti ricchi e vari.

Non meno di 14 film sono in competizione nella competizione internazionale. La giuria sarà presieduta dalla regista giapponese Naomi Kawase. È composto dal direttore della fotografia Nancy Abdel Fattah dall’Egitto, dall’attrice Swara Bhaskar dall’India, dal compositore egiziano Rageh Dawoud, dall’attrice italiana Stefania Cassini, dal regista Joaquin Del Paso dal Messico e dall’attore francese Samir Qawasmi.

Proiezione di 97 film da 52 paesi

Tre lungometraggi marocchini rappresentano il Marocco in questo prestigioso festival. Il film “Jalal Eddine” del regista marocchino Hassan Benjelloun è stato selezionato due volte per competere nella categoria “Orizzonti del cinema arabo” e nel premio “Miglior film arabo”. Il lavoro di Benjelloun racconta la storia del personaggio Jalal al-Din, che rifiuta di accettare la morte della moglie. Decide di isolarsi finché la luce dentro di lui non esplode. Vent’anni dopo, Jalal ad-Din è diventato un maestro sufi distribuendo conoscenza e spiritualità intorno a sé e ai suoi discepoli. L’attore è interpretato da Yassin Al-Hajam, nel ruolo principale, Ezzal Al-Arab Al-Alawi, Fatima Al-Zahraa Beladi, Fatima Zahra bin Nasser e la tunisina Fatima Nasser.

Il secondo film è “Bella” del regista marocchino residente in Svizzera Mohcine Basri. Questo è il suo quarto lungometraggio. Il Marocco ha anche assistito al film “Oasis of Frozen Waters”, una coproduzione marocchino-francese diretta da Mohamed Raouf Sibahi. Il film partecipa al concorso “Settimana Internazionale della Critica”. Il film racconta la storia di Fadila, un medico di emergenza che sposa Kadir dopo una bellissima storia d’amore. Mentre stavano per divorziare, Kadir ha scoperto di avere un cancro terminale.

READ  Dune 2: cosa rivela la sinossi sulle continue avventure di Paul Atreides (spoiler)

Il 44° Cairo International Film Festival presenta 97 film provenienti da 52 paesi, tra cui 79 lungometraggi e 18 cortometraggi. Oltre a mostrare 10 film classici, 30 anteprime mondiali, rispetto alle 57 anteprime mediorientali e nordafricane.

>>Leggi anche:Il sipario della diciannovesima sessione del Marrakech International Film Festival

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.