Il Buco: Immersioni sotterranee


Un film poetico, ma tende a far fluttuare ciò che vuole davvero trasmettere, al di là delle immagini.


Questo articolo è riservato agli abbonati

Giornalista nel dipartimento di cultura

Tempo di lettura: 1 minuto

Di Michelangelo Framartino con Paulo Cosi, Jacopo Elia e Denis Trombin 93 min.

Ottobre 1961. L’Italia celebra la sua prosperità erigendo la torre più alta del Paese. Allo stesso tempo, giovani speleologi piemontesi decisero di esplorare la grotta più profonda, la seconda più profonda del mondo: il cratere Piforto in Calabria. Immergersi nel cuore dell’ignoto, a 700 metri sottoterra, dove passano inosservati agli abitanti circostanti, ma non agli eremiti della zona con i quali stabiliscono legami…

Il pregiudizio di Michelangelo Framartino è quello di mettere da parte i dialoghi e posare come un osservatore. Il Poco (letteralmente “The Hole”) è un film meditativo, una serie di scene di straordinaria bellezza. Anche con un lato nuovo.


Questo articolo è riservato agli abbonati

Con questa offerta, goditi:
  • Accesso illimitato a tutti gli articoli, file e report della redazione
  • Il giornale in versione digitale
  • Comodità di lettura con annunci limitati



READ  House of Gucci: Il film con Lady Gaga non soddisfa affatto gli eredi

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.