I vicini dell’ambasciata russa in Canada votano per annetterlo

La Russia dovrebbe essere espulsa dalla sua ambasciata a Ottawa, conclude con il risultato di un voto farsa tenuto vicino all’edificio per ridicolizzare i referendum sponsorizzati dal Cremlino nei territori occupati dalle forze russe in Ucraina.

“Questo è per [le président ukrainien] Zelensky”, dice il capo di Elkim, mentre deposita la sua scheda elettorale nell’urna installata sul marciapiede davanti all’ambasciata russa e su cui c’è scritto “Inclusione dell’ambasciata”.

La scena è stata immortalata Il video è diventato virale È stato citato migliaia di volte su Twitter. Da mercoledì, la manifestazione, organizzata quotidianamente davanti agli uffici diplomatici della Federazione Russa, in diretta on air, ha dato inizio a una votazione popolare truccata sulla sorte dell’austero edificio.

Sostieni l’annessione della proprietà situata a 285 Charlotte Street, Ottawa, Canada? Possiamo leggere sulle schede elettorali la scelta delle risposte è “sì” solo in diverse lingue.

Non sorprende che il voto sì fosse nella maggioranza durante il conteggio di venerdì. Il risultato visualizzato è 106%. Non ci sarà nessun riconteggio.

Voto pubblicamente truccato

I nostri sondaggi sono ovunque [le média social] Telegram, in tutto il Telegram russo. Ha anche fatto notizia in alcuni paesi! » supporto al colloquio in Dovrebbero Uno dei suoi organizzatori, Angela Kalita.

Il 36enne, la cui nonna è immigrata dall’Ucraina, fa parte di un piccolo gruppo di manifestanti che si radunano tutti i giorni feriali davanti all’ambasciata russa. avversari La guerra in Ucraina Si riuniscono lì alla fine del pomeriggio, quindi i diplomatici notano le loro bandiere e gli emblemi mentre stanno uscendo dal lavoro.

dice il sig.io Kalita sul voto per annettere l’ambasciata. La battuta è che questo voto non ha effetto. Come i voti del referendum in Ucraina. »

READ  Ucraina: svegliate le madri russe

Newsletter, progettata per assomigliare a quella Prodotto dai russi sul territorio ucraino, reca la carta intestata del “Governo popolare della Repubblica di Sandy Hill”, il Territorio della Capitale Federale dove si trova l’ambasciata. Spiega che è possibile votare più volte e che “i risultati verranno adeguati per riflettere il risultato desiderato”.

Venerdì scorso la Russia è diventata ufficiale L’annessione di quattro terre ucraine occupate Dove i cosiddetti referendum sono stati organizzati in mezzo a una zona di guerra. Diversi paesi hanno denunciato questa nuova escalation del conflitto, incluso il Canada, in un momento in cui la Russia è minacciosa. Uso di armi nucleari.

Tensioni con i diplomatici

affrontare i manifestanti dovere Tra i 20 presenti venerdì davanti all’ambasciata russa a Ottawa, hanno affermato di essere stati incoraggiati dai recenti progressi in Ucraina, mesi dopo l’invasione guidata dalla Russia. Recentemente sono stati abituati a leggere l’elenco dei nomi dei bambini che hanno perso la vita nel conflitto che il governo ucraino pubblica quotidianamente.

“È sempre triste vedere un altro evento accadere ogni giorno e ogni settimana. Ma questa iniziativa di tenere un referendum ci ha riuniti [les manifestants] Fred May fa una dimostrazione, tenendo in mano una mazza da hockey per bambini con i colori dell’Ucraina.

Ma la loro insistenza nel manifestare davanti alle barriere delle ambasciate ha portato a diversi scontri con diplomatici russi. Quest’ultimo, ad esempio, aveva chiamato la polizia sostenendo che le loro auto erano state danneggiate.

Ad agosto, persone alla guida di un’auto con targa diplomatica hanno rubato una bicicletta con i colori ucraini che i manifestanti avevano posizionato davanti all’ambasciata russa e Hanno disegnato la lettera “Z” sulla strada, simbolo di sostegno alle forze di invasione russe. I manifestanti affermano che questa stessa auto, catturata dalle telecamere a circuito chiuso, è stata vista nel parcheggio dell’ambasciata.

READ  Quasi 170 pecore sono state trovate morte dopo essere state gettate nel vuoto

A settembre, l’ambasciata russa ha affermato che qualcuno aveva attaccato il suo edificio a Ottawa. pubblicato Video da una telecamera di sorveglianza datato 12 settembre, che sembra mostrare qualcuno che lancia una bottiglia molotov contro l’edificio. “Chiaramente non fa parte del nostro piccolo gruppo. Rispettiamo le leggi, non siamo qui per attaccare nessuno”, dice Angela Caleta.

Tuttavia, racconta le reazioni molto diverse da un diplomatico all’altro: alcuni gridano insulti o propaganda, altri scherzano.

Vediamo nel video

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.