I dossi afghani che Ottawa preferirebbe dimenticare

Siamo stati in Afghanistan dal 2002 al 2014. Il risultato: circa 160 morti, centinaia di feriti gravi e migliaia di persone affette da disturbi mentali irreversibili. Questa assurda avventura, di cui stiamo attualmente vivendo la catastrofica fine, ci costerà più di 15 miliardi di dollari.

La negligenza del governo canadese e del personale delle forze armate è responsabile della morte di molti dei nostri soldati. Gli olandesi, con due terzi dei nostri soldati (1950 contro 2.800), hanno gestito solo un quinto delle nostre perdite (24 contro circa 130, nel 2006-2010). Come si spiega un rapporto così sfavorevole per il Canada?

Ebbene, il fatto che le loro attività si siano svolte in un’area dove c’erano meno scontri militari ha a che fare con questo. Ma questo è dovuto anche al fatto che i generali olandesi, a differenza dei nostri generali, hanno la lungimiranza e l’intelligenza per garantire il loro supporto aereo in Afghanistan: quattro caccia F-16, tre elicotteri pesanti Chinook e cinque elicotteri. Attacco Apache.

Il Canada ha preferito chiedere agli americani di fornire supporto aereo – una cattiva abitudine – con i disastrosi risultati che conosciamo. In almeno tre episodi, I cowboy dell’aeronautica americana hanno attaccato i soldati canadesi, uccidendone almeno quattro e ferendone dozzine. Hanno anche concluso una serie di matrimoni civili afgani, che pensavano fossero una celebrazione dei talebani!

Ottawa è entrata in Afghanistan nel 2002 senza alcuna capacità di trasporto di elicotteri. Non abbiamo avuto elicotteri pesanti dall’inizio degli anni ’90, e quindi il Canada ha dovuto fornire convogli di terra alle loro posizioni, che erano regolarmente il bersaglio di ordigni esplosivi improvvisati che hanno assorbito gran parte delle nostre perdite.

READ  Forte surplus commerciale a maggio

Le forze armate canadesi sono tra quelle che hanno sofferto di più di questi attacchi. Più di 100 soldati canadesi sono stati uccisi in Afghanistan da questi ordigni esplosivi improvvisati, la maggior parte dei quali costruiti attorno alla mina anticarro italiana TC-6, fornita dalla CIA ai jihadisti antisovietici negli anni ’80, e ora nelle mani di i talebani.

Ottawa non ha deciso di acquistare dagli Stati Uniti fino al 2009 Sei elicotteri Chinook-D., già schierato in Afghanistan, per muovere i suoi soldati come fanno gli olandesi.

A differenza di altri soldati canadesi in servizio con la NATO, circa 150 commando canadesi sono integrati nel Comando delle forze speciali statunitensi, che opera indipendentemente dalla NATO e ha regole di ingaggio specifiche. Il Dipartimento della Difesa ha rivelato poco sulle sue attività in Afghanistan.

I documenti di WikiLeaks rivelano che gli omicidi selettivi da parte delle forze speciali statunitensi contro talebani e leader di al-Qaeda hanno spesso portato a “errori fatali”: uccidere innocenti piuttosto che prendere di mira i nemici a causa di un’intelligenza difettosa e, soprattutto, l’uso sproporzionato di una massiccia potenza di fuoco, in particolare della forza aerea motociclette. .

In decine di operazioni non sono stati uccisi leader talebani, ma civili, compresi bambini, donne incinte, agenti di polizia e funzionari del governo afghano: “danni collaterali”. Invece di decapitare l’insurrezione, gli americani hanno aumentato il numero di volontari disposti ad unirsi ai talebani per vendicare i loro parenti.

Abbiamo imparato, qualche mese fa, che 19 membri delle forze speciali australiane sotto il comando degli Stati Uniti sono stati implicati nell’uccisione di 39 civili afgani nei primi anni 2000.

READ  Italia: La tessera anti-salute usa i camionisti per far passare il loro messaggio

Come parte della loro indagine, Gli australiani hanno chiesto aiuto al Canada. Human Rights Watch ha esortato i paesi i cui eserciti sono intervenuti in Afghanistan a seguire l’esempio dell’Australia e indagare sul comportamento dei loro soldati.

Testimoniando davanti al Comitato della Camera dei Comuni, Richard Colvin, un diplomatico canadese di alto rango, Presumibilmente nel 2009 Che i prigionieri talebani trasferiti dai soldati canadesi alle autorità afgane a Kandahar sono stati torturati e che Ottawa ne era a conoscenza. Colvin, il diplomatico di secondo grado presso l’ambasciata canadese a Kabul, ha dichiarato nel 2006 e nel 2007 di aver fatto diversi tentativi infruttuosi di lanciare l’allarme agli alti funzionari civili e militari di Ottawa.

Ottawa ha ammesso che il CSIS (Canadian Security Intelligence Service) è coinvolto nell’interrogatorio di prigionieri talebani a Kandahar. Quindi la CIA ha dovuto cooperare con l’intelligence afghana, che ha usato la tortura. Sappiamo anche che la CIA ha compiuto omicidi selettivi di dissidenti nella regione di Kandahar, in collaborazione con i servizi di sicurezza afgani e la milizia personale di Wali Karzai, capo del Consiglio provinciale di Kandahar, uno spacciatore. E il fratello afghano di allora. Presidente. L’intelligence canadese si era forse allontanata dal covo di serpenti rannicchiati con i tre alleati del Canada: l’intelligence afghana, la CIA e Wali Karzai? Comitato di Vigilanza Il CSIS la pensa così, anche se non ha avuto accesso a tutti i documenti pertinenti.

Questi casi non verranno più visualizzati. Ottawa non vuole mai lottare con gli scheletri nell’armadio. Nel 1993, lo stato maggiore delle forze armate canadesi tentò di insabbiare il personale del Canadian Airborne Regiment, In missione ‘umanitaria’ in Somalia, ha torturato civili e ne ha ucciso uno.

READ  Il G7 critica l'Iran per il suo attacco a una petroliera

Fu istituita una commissione d’inchiesta civile per determinare il livello gerarchico al quale andavano le complicità per coprire questi crimini di guerra. Jean Chretien lo interruppe bruscamente per impedire ai generali di andare in prigione. A causa della necessità di colpevoli, il governo liberale sciolse il Canadian Airborne Regiment, un caso unico nella storia militare canadese.

Quindi state tranquilli, non vedrete mai Justin Trudeau brontolare mentre offre scuse agli afgani.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *