I datori di lavoro francesi e italiani sostengono “la crescita ovunque e per tutti”

« Stiamo vivendo una nuova luna di miele Geoffroy Roux de Bézieux esulta. Il boss del Medef ha partecipato giovedì e venerdì al terzo forum economico Italia-Francia. La precedente edizione si è svolta nel 2019 nel momento della più profonda crisi della coppia franco-italiana dal secondo dopoguerra. Giuseppe Conte guidava un governo populista francofobo e il suo ministro degli Esteri, Luigi di Maio, sostenne pubblicamente i “gilet gialli”.

I datori di lavoro dei due Paesi hanno poi ricordato l’importanza del ritorno del dialogo tra sorelle latine con relazioni economiche complementari e che sono il secondo partner commerciale l’una dell’altra. Due anni dopo, la giornata conclusiva del forum è stata aperta dallo stesso Luigi di Maio lodando la solidità e la buona salute dei rapporti tra i due Paesi.

Sul piano politico, il nuovo presidente del Consiglio, Mario Draghi, mostra una perfetta intesa con Emmanuel Macron. Quanto alle questioni economiche e industriali, non sono più oggetto di tensioni. I gruppi Vivendi e Mediaset hanno deposto le armi dopo anni di battaglie legali, le turbolenze legate alla fusione tra Luxottica ed Essilor si sono placate e l’Europa ha messo fine alla telenovela della ripresa dei cantieri atlantici da parte di Fincantieri, evitando il rispettivi governi ad assumersi la responsabilità del fallimento.

Un desiderio di collaborazione più forte

Ma il momento non è solo per la ripresa dei rapporti franco-italiani. È al periodo di recupero. Quella di un’economia che ha subito una profonda recessione nel 2020 e si aspetta un forte rimbalzo quest’anno. La crescita dovrebbe raggiungere circa il 5% su entrambi i versanti delle Alpi, amplificata dai piani di stimolo nazionali sulla scia di Next Generation EU.

READ  Covid19. L'Italia non è alla festa: reclusione generale per il weekend di Pasqua

« Vogliamo parlare di business e mettere in atto nuove iniziative per rafforzare la nostra collaborazione. Abbiate il coraggio di essere ottimisti », ha affermato all’unisono Geoffroy Roux de Bézieux e il suo omologo Carlo Bonomi. Prima della pandemia il commercio raggiungeva gli 86 miliardi di euro con 4.000 aziende che si potevano considerare binazionali. La Francia è il secondo Paese di destinazione delle esportazioni italiane e il suo secondo fornitore. L’Italia è il terzo investitore estero in Francia dopo Stati Uniti e Germania.

Qualche nuvola all’orizzonte

I gruppi di lavoro si sono concentrati sui quattro pilastri su cui si basano i piani di rilancio: transizione ambientale, transizione digitale, innovazione tecnologica e coesione territoriale. ” Crescita ovunque e per tutti È lo slogan dei due datori di lavoro, che ricordano l’importanza di un’attuazione semplificata e rigorosa delle politiche pubbliche affinché le imprese possano beneficiare dei massicci investimenti dei piani di rilancio e del risparmio delle famiglie.

In Italia, il successo delle riforme strutturali da troppo tempo rimandate, come la formazione dei giovani, sarà fondamentale per tornare a una crescita sostenuta nel lungo periodo. ” L’estate si annuncia luminosa su entrambi i versanti delle Alpi, stima Geoffroy Roux de Bézieux che tuttavia vede delle nuvole all’orizzonte: “ Aumento dei prezzi delle materie prime, difficoltà di reclutamento, in particolare manodopera qualificata, e incertezze geostrategiche ».

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *