I 5 migliori comitati editoriali francesi

Il 2021 è stato un anno ricco di eventi sportivi. Le star dello sport, francesi e straniere, ci hanno abbagliato o deluso. Il 31 dicembre la redazione presenterà il suo reportage sui 5 migliori libri francesi del 2021 (calcio escluso).

#1: Sport di squadra al top

Tuttavia, non era specificamente destinato a essere il gioco più bello nella storia degli sport di squadra francesi. Se i ragazzi del basket sono sorpresi dal dominare gli Stati Uniti, le ragazze cadono immediatamente contro il Giappone, mentre le loro controparti di pallamano perdono due delle prime quattro partite – solo i ragazzi, come nel basket, ci riusciranno. Entrare in un quadrato pieno e avere giocatori di pallavolo che si inchinano a loro in due dei loro primi tre round. E poi il miracolo sarà già universale: i cestisti finiscono per un pelo nei migliori due terzi del pallone, nonostante la recente sconfitta contro gli americani; I giocatori di pallamano vincono gli ottavi di finale contro il Brasile; Anche i giocatori di pallavolo, che hanno battuto il Brasile, prendono la combinazione necessaria per passare. Tutti sanno cosa è successo dopo e quest’orgia di medaglie di cinque anni… È impossibile incolpare le squadre di basket francesi, in particolare i ragazzi, per non aver rivendicato il titolo – a differenza di pallavolo e palla, il vincitore di questa splendida finale 3-2 contro la Russia per l’ultimo allenatore Laurent Tilley – Il loro sport rimane appannaggio di un paese come in qualsiasi altra disciplina olimpica di questo tipo. Anche gli uomini di Vincent Colette hanno mantenuto la squadra USA fallendo per soli cinque piccoli punti in finale (87-82).

N. 2: Quartararo scrive la storia

Dopo una stagione di apprendistato nel 2019 in prima categoria e poi la frustrazione di mancare alla fine del 2020, Fabio Quartararo ha saputo mettere insieme tutte le carte in regola per diventare il n. 1. Nel 2021 ha scritto di più “El Diablo” bella pagina del mondo. La storia delle moto francesi che finalmente hanno vinto il loro primo campione del mondo in MotoGP dopo aver vinto molti titoli in diverse classi. Niçois è entrato a malapena nell’ovile Yamaha ufficiale, guadagnando il vantaggio sul compagno di squadra Maverick Viñales, che ha preferito lasciare a metà stagione, e su tutti i suoi avversari. Con le sue vittorie al Gran Premio di Doha e poi in Portogallo, Fabio Quartaro ha preso il comando del campionato e non si è mai arreso. Anche la Sindrome delle Scatole durante il Gran Premio di Spagna non ha potuto rallentare il pilota francese. Sul podio di casa e poi trionfante in Italia, su un circuito del Mugello non favorevole alle qualità del suo meccanismo, “El Diablo” ha cementato la sua presa sul campionato con una vittoria ad Assen e poi una dimostrazione a Silverstone, assestando un colpo quasi fatale al morale dei suoi avversari. Se la fine della stagione avesse dimostrato che Francesco Bagnaia era il suo principale rivale, Fabio Quartararo avrebbe fatto meglio della sua gestione prima di godersi il suo titolo due gare dopo la caduta dell’italiano al Gran Premio dell’Emilia Romagna. D’ora in poi il francese dovrà confermare mentre la Ducati potenzia le armi per reagire la prossima stagione.

READ  Euro Gazette: Quattro settimane in mongolfiera | Sport | il Sole

N. 3: Bintorault, il successore di Alvand

La Francia lo aspettava da ventiquattro anni! Da Luc Alphand nel 1997, nessun pattinatore francese è stato in grado di vincere il grande gioco del cristallo. Sul podio della classifica generale di Coppa del Mondo cinque volte dal 2014, Alexis Pinturault ha finalmente vinto la coppa nel 2021. Mentre sarebbe stato indubbiamente incoronato nel 2020 se la pandemia di coronavirus non avesse interrotto la stagione prima del previsto e offerto il globo ai norvegesi Alexander Amodt Keldy, il pattinatore di 30 anni ha finalmente messo a posto i suoi piedi. Nella stagione 2020-21, Alexis Pinturault ha vinto quattro eventi Giganti e un evento Parallelo ed è arrivato terzo in tre gare di slalom e un Gigante. Vincitore della Coppa del Mondo dei Giganti e settimo in slalom, il francese ha limitato i danni anche in SuperG, con quattro posti nella Top 15. Non ha partecipato a nessuna salita, preferendo però non sprecare troppe energie per percorrere tutta la stagione in questa corsa per la palla Crystal floor. Alla fine ha chiuso la stagione con 167 punti, davanti allo svizzero Marco Odermatt e 446 punti sull’austriaco Marco Schwartz. Inoltre, ai Mondiali di Cortina d’Ampezzo, ha aggiunto due medaglie mondiali al suo gruppo, che conta già quattro medaglie: un bronzo in SuperG e un argento in combinata. Senza dubbio stava sognando l’oro, ma il cristallo è abbastanza per la sua felicità! Oro, sperando di riaverlo nel 2022 durante le Olimpiadi di Pechino…

#4: Il XV di Francia, Tolosa, Dupont…Il ritorno del rugby francese!

Come ai vecchi tempi, il rugby francese ha ritrovato il suo antico splendore. Durante il Campionato 6 Nazioni per la prima volta con una campagna entusiasmante il XV ha permesso alla Francia di giocarsi il titolo fino all’ultima giornata. Il torneo è stato caratterizzato in particolare dalla prima vittoria della Francia in Irlanda in dieci anni (13-15) e dall’accresciuto successo in casa ai supplementari contro il Galles, che è venuto a giocare il Grande Slam allo Stade de France (32-30). Infine, i Blues non sono riusciti a finire al secondo posto deludente quanto incoraggiante. Le speranze emerse da questo caldo inverno hanno dato vita ad un’estate meravigliosa. Poi a un autunno radioso. In tournée in Australia a luglio, la rinnovata Francia 15 di Fabien Gallett ha tenuto testa ai Wallabies durante due test match e ha vinto brillantemente una partita, la prima nell’isola-continente da 31 anni! La conferma di questa euforia con il ritorno della dirigenza è avvenuta a novembre con un superbo 3/3, completato in apoteosi grazie alla prima vittoria contro la Nuova Zelanda dal 2009. È la più grande nella storia dei Blues contro gli All Blacks (40). -15). Questo volto super attraente del rugby francese brilla a tutti i livelli. Come individuo per cominciare. Mischia pitching Antoine Dupont è stato insignito del World Player of the Year assegnato dalla squadra mondiale di rugby, come suo allenatore nel 2002 e Thierry Desautier nel 2009. Un titolo logico, che premia l’anno da sogno dei primi Castries. Le sue terribili qualità fisiche e la sua visione hanno contribuito notevolmente a guidare lo stadio di Tolosa verso una storica doppietta come nel 1996, la migliore 14 – Coppa dei Campioni, che ha reso il club Pink City, la squadra di maggior successo in Francia e in Europa. Les Rouge et Noir ha alzato il Prinus Shield 21 volte e la Coppa dei Campioni cinque volte. Nel 2021 sembra che Fabien Galletti e i club francesi abbiano riscoperto il mitico “flair francese”, finché dura…

READ  Roma, avvio di stagione positivo

#5: Alaphilippe, il fantastico sosia!

L’ha (ri)fatto! Quasi un anno dopo essere stato incoronato campione del mondo sul famoso circuito di Imola (Italia), Julian Alaphilippe lo ha fatto di nuovo in Belgio il 26 settembre, ancora prima della competizione per vincere la sua seconda maglia a Lovanio. ! Tuttavia, gli Hab avevano molto da fare, in particolare contro la flotta esterna al Quiévrain guidata da Wout Van Aert. Ma come gli altri, i belgi in patria hanno dovuto ammettere la sconfitta agli uomini di Thomas Voekler. Perché l’audacia tattica del tecnico francese ha pagato ancora una volta, tutti i rivali dei Blues stanno cedendo uno ad uno contro le cosche di Alaphilippe, ma anche Benoit Cosenfroy, Anthony Turges, Christophe Laporte, Arnaud Demarie o ancora Valentin Maduas, i tanti concorrenti che ha presentato È tutto per il loro leader. Ha pagato. Perché l’ultimo attacco, che Alaphilippe stesso ha piazzato a soli 17 chilometri dalla fine, è stato l’attacco giusto per Montronde di Saint-Aman, che avrebbe vinto contro l’olandese Dylan van Barley e il danese Michael Valgren.. Colui che indubbiamente meglio incarna l’abilità nel ciclismo attuale sarà riuscito a dissuadere il pubblico belga, dopo essere stato umiliato lungo una pista dove ha dovuto evitare anche i lanci di birra. Imperterrito, il pilota della Deceuninck- Quick Step si è rivolto ai fan locali sul podio di questi campionati del mondo. Un’ulteriore prova che Julian Alaphilippe è sicuramente un campione eccezionale è chi vincerà il titolo Walloon Flèche nel 2021, così come la sua sesta vittoria di tappa al Tour de France, dove ha indossato ancora una volta la maglia gialla. Senza fare di lui (ancora?) il suo obiettivo stagionale…

READ  L'Italia calpesta, tedeschi, spagnoli e inglesi si aprono

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *