Gli Stati Uniti rinunciano alle missioni su Marte con l’Europa

Immagine: NASA

ExoMars ha pianificato di inviare due sonde su Marte per eseguire, tra le altre cose, perforazioni nel suolo marziano e restituire campioni sulla Terra all’inizio del 2020.

Jean-Louis Santini
France Media Agency


L’amministrazione statunitense ha concluso la sua partnership robotica per l’esplorazione di Marte con gli europei nella sua proposta di bilancio 2013 presentata al Congresso lunedì, provocando il panico nella comunità scientifica.

“Sono necessarie scelte difficili, il che significa che non continueremo il progetto ExoMars nel 2016 e nel 2018 con l’Agenzia spaziale europea”, ha annunciato il presidente della NASA Charles Bolden in una conferenza stampa, commentando la bozza di bilancio 2013 che è stata svelata poche ore fa .

La Casa Bianca propone di tagliare il budget per l’esplorazione automatizzata del pianeta rosso del 38,5% (226 milioni di dollari in meno) dal 2012 a 361 milioni di dollari, di fatto eliminando i fondi previsti per il prossimo anno per ExoMars.

Questa è l’unica riduzione evidente di vari elementi nella proposta di bilancio della NASA per l’anno fiscale 2013 che inizia il 1 ° ottobre 2012, che nel complesso è diminuito di appena lo 0,3% a 17,7 miliardi di dollari.

ExoMars ha pianificato di inviare due sonde su Marte – la prima nel 2016 e la seconda nel 2018 – per eseguire, tra le altre cose, perforazioni nel suolo marziano e restituire campioni sulla Terra all’inizio del 2020.

Secondo l’accordo raggiunto nel 2009, la NASA avrebbe dovuto contribuire con 1,4 miliardi di dollari a queste due missioni, rispetto a 1,2 miliardi all’ESA.

READ  Six incredible pictures of galaxy collision

L’agenzia spaziale statunitense spiega questa decisione attraverso vincoli di bilancio che la costringono a rielaborare il suo programma per l’esplorazione robotica di Marte.

“I fondi per l’esplorazione robotica di Marte sono stati ridotti dopo che il Mars Science Laboratory ha lanciato la sonda Marte nel 2011 – che dovrebbe atterrare sul Pianeta Rosso in agosto – e vicino al completamento della sonda atmosferica di Marte e della missione di evoluzione volatile”, nel 2013 per studiare l’atmosfera marziana, come dice la NASA.

Bolden ha insistito sul fatto che “la riformulazione del programma Mars della NASA consentirà un approccio più integrato che migliorerà gli obiettivi di esplorazione scientifica e con equipaggio coerenti con le risorse di bilancio disponibili”.

Ma ha aggiunto: “La NASA è ancora desiderosa di lavorare con partner internazionali per identificare le possibilità di cooperazione nell’esplorazione di Marte”.

“È una tragedia per la comunità scientifica”, ha detto Scott Hubbard, professore di astronomia alla Stanford University ed ex direttore del Mars Exploration Program della NASA.

“Penso anche che sia imbarazzante per il paese”, ha detto all’AFP, sottolineando che “la NASA sta terminando uno dei suoi programmi di maggior successo durante il decennio”.

Per l’astronomo Louis Friedman, ex presidente della NASA e membro della Planetary Society, un’associazione di famosi astronomi e scienziati planetari, “Il problema non sono i soldi che l’agenzia ha, ma il fatto. Un bombardiere pesante di cui nessuno ha bisogno. “

Bill Nye, amministratore delegato della Planetary Society, ritiene che questi tagli al budget rischiano di perdere conoscenze uniche nell’esplorazione robotica di Marte.

“Temiamo che questi programmi, una volta interrotti, non possano più essere rilanciati”, spiega, riferendosi al recente fallimento della missione russa Roscosmos Phobos-Grant su Marte.

READ  Notizie scientifiche a piccole dosi | Giornalismo

John Logsdon, ex direttore dell’Institute for Space Policy di Washington, ha detto all’AFP che gli Stati Uniti si sono ritirati da ExoMars perché “non hanno i mezzi per impegnarsi in un altro progetto multimiliardario”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.