Roma chiede all’UE di ricollocare i migranti sbarcati in Italia

Pubblicato su :

Il Portogallo, che presiede il Consiglio d’Europa, ha organizzato una conferenza sui flussi migratori mentre l’UE prepara un nuovo patto sulla questione. Algeria, Marocco, Tunisia, Mauritania, Senegal, Niger, Egitto e Libia hanno fatto il viaggio a Lisbona, in segno di apertura al dialogo.

Con il nostro corrispondente a Lisbona, Marie-Line Darcy

Per il Portogallo, la presenza dei paesi africani alla conferenza sui flussi migratori è stata di per sé motivo di soddisfazione. Si instaura il dialogo e si tracciano le linee di convergenza, ha affermato in sostanza il ministro dell’Interno Eduardo Cabrita.

Ma per Ilva Joahansson, Commissario europeo per gli affari interni, i progressi sono in realtà molto lenti. L’incontro di Lisbona è stato segnato dall’intervento dell’Italia, che ancora una volta chiede la rapida istituzione di meccanismi di solidarietà ” concreto e solido, compreso l’emergenza »Entro i confini dell’Unione, sul modello di quelli previsti dagli accordi di Malta del 2019, che hanno permesso di ricollocare i migranti in una decina di Paesi, tra cui Francia, Germania, Portogallo, Romania o Finlandia. Tra il 1 gennaio e l’11 maggio, Roma ha visto quasi 13mila persone sbarcare sulle isole di Lampedusa e Sicilia dalle coste nordafricane con imbarcazioni di fortuna, tre volte di più rispetto al 2020 contemporaneamente. e 10 volte di più rispetto al 2019, secondo i dati del governo.

► Leggi anche: Patto europeo asilo e migrazione: “alleggerire i Paesi di primo ingresso e rendere più operativi i rimpatri”

Allo stesso tempo, gli europei stanno cercando di sviluppare meccanismi di cooperazione per un intervento più mirato nei paesi di origine dei migranti. E per rafforzare la lotta contro i trafficanti di esseri umani. Il ritorno volontario e il reinserimento nei paesi di origine e l’istituzione di corridoi legali per l’emigrazione sono stati ben accolti. Il ministro dell’Interno spagnolo Fernando Grande-Marlaska ha detto con lo stesso spirito che “ l’unico modo per gestire efficacemente i flussi migratori è stato quello di investire nelle relazioni tra paesi di origine, transito e destinazione ».

READ  L'Italia arriva all'ufficio turistico di Quillan

Per ora, il nuovo patto sui flussi migratori resta il più complesso dell’agenda europea. Il premier italiano Mario Draghi vorrebbe che la questione dei migranti fosse inserita nell’agenda del Consiglio europeo del 24 e 25 maggio, secondo la stampa.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *