Gli sport Coppa America: la Nuova Zelanda ha consolidato il suo dominio vincendo la sua quarta incoronazione

Auckland – La squadra neozelandese ha vinto la 36ma Coppa America mercoledì ad Auckland, conservando la prestigiosa medaglia d’argento con la settima vittoria decisiva sull’Italian Challenge Luna Rossa.

Inizialmente, il team Kiwi ha portato 3 qualificazioni a 2 e ha collezionato cinque vittorie consecutive da sabato per vincere finalmente 7-3.

Offre all’arcipelago una quarta incoronazione, dopo il 1995, 2000 e 2017, in una delle gare più antiche del mondo, istituzione che quest’anno festeggia 170 anni.

“È totalmente irrealistico”, ha detto il neozelandese Coxwyn Peter Burling, “è una grande soddisfazione per la squadra”.

I neozelandesi speravano nella fine della partita martedì, ma Eole ha mantenuto l’entusiasmo e ha costretto decine di migliaia di fan a radunarsi sulle rive di Auckland per abbandonare lo champagne. Uno spostamento sottovento ha già spinto gli organizzatori a posticipare di un giorno il decimo round.

Mercoledì Luna Rossa non è sembrata in grado di destare i sospetti del kiwi, visto che il team neozelandese ha finalmente tagliato il traguardo 46 secondi fa e si è tuffato nella gioia di una città che emerge dal confino legato al Coronavirus, solo 11 giorni prima.

La vittoria ha consolidato la posizione della Nuova Zelanda come potenza dominante in un evento in cui ha gareggiato in sette delle ultime otto edizioni.

Coppa della Nuova Zelanda

L’arcipelago è il secondo Paese di maggior successo dopo gli Stati Uniti, che hanno dominato la competizione tra il 1851 e il 1983. Da qui la soddisfazione della premier neozelandese Jacinda Ardern.

“La squadra neozelandese ci rende orgogliosi ancora una volta di qualificarci per l’America’s Cup in Nuova Zelanda”, ha detto in un comunicato.

READ  Leila Annie Fernandez è solo di passaggio a Miami

La sesta stagione italiana si conclude ancora una volta amaramente su Luna Rossa, che a febbraio ha vinto la Coppa Prada – qualificandosi per la Copa America – per affrontare le sfide britanniche e americane.

“Non è ancora finita”, ha detto il vice capitano Francesco Bruni. “Sono sicuro che Luna Rossa ci riproverà.”

La sfida italiana sarebbe riuscita almeno a far mentire i beffardi che hanno dichiarato la vittoria dei neozelandesi per 7-0.

Avrebbe potuto anche minacciare un po ‘di più i neozelandesi senza alcuni errori tattici fatali in diversi punti chiave negli ultimi cinque round.

– “Belle barche” –

L’altro assistente di Luna Rossa, l’australiano Jimmy Spethyl, che ha fatto saltare le speranze della Nuova Zelanda nella coppa vinta da Oracle 9-8 nel 2013, ha ritenuto la vittoria “meritata” dal team neozelandese.

“Ovviamente dovremo andare a bere una birra con i neozelandesi per onorarli”, ha detto la sua nativa Sydney.

“Ma dobbiamo ringraziare tutti i nostri compagni di squadra che si sono impegnati così tanto per permetterci di essere qui e lottare per la Copa America”.

La sig.ra Ardern ha annunciato che il suo governo rilascerà 5 milioni di dollari neozelandesi (3 milioni di euro) per consentire alla squadra neozelandese di difendere il trofeo nella sua prossima edizione prevista nel 2024.

L’obiettivo sarà soprattutto quello di evitare di essere spogliato dei suoi elementi migliori a causa di sfide estere con budget più ampi.

L’intera domanda ora è sapere come sarà la prossima edizione.

In qualità di detentori del titolo, il Kiwi avrà una scelta di armi, basi e acqua. Hanno già annunciato che prenderanno in considerazione le candidature da città straniere per ospitare i tour.

READ  Roman Grosjian arriva in Indycar dopo un incidente in F1 | Gli sport Destra

Da tenere in considerazione, come minimo, le barche che hanno fatto il salone durante questa edizione.

Il trofeo è stato vinto quest’anno su avveniristici monoscafi da 75 piedi (23 m) dotati di foil che consentono loro di “volare” sulle onde a 53 nodi (circa 100 km / h) alla massima velocità.

Il capitano della Nuova Zelanda Glenn Ashby ha parlato questa settimana di pneumatici “super tremendi”.

“Sono bellissime barche”, ha detto, “è bello vedere quando sono a riposo, ed è bello vedere quando sono nella natura selvaggia”.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *