Dove è finita l’acqua di Marte?

Marte non è sempre stato il pianeta arido che conosciamo oggi: miliardi di anni fa, ospitava laghi, fiumi e persino oceani. Ma la domanda su dove finisse tutta quest’acqua era un mistero.

Fino ad ora, i ricercatori ritengono che sia fuggito nello spazio. Ma secondo un nuovo studio, in realtà è finito per essere in gran parte bloccato nella crosta di Marte.

Leggi anche: La SuperCam su Marte per il Tenacity Rover è estremamente sana

Leggi anche: Marte: una misteriosa nuvola lunga 1.800 km svela i suoi segreti

Leggi anche: Il persistente rover ha attraversato i suoi primi metri sulla superficie di Marte

Eva Schiller, ricercatrice presso il California Institute of Technology e autrice principale dello studio, pubblicato martedì sulla prestigiosa rivista Science, ha avvertito che questa scoperta non implica “una sorta di gigantesco serbatoio d’acqua” sotto la superficie di Marte. .

“Diciamo che la crosta è composta da quelli che chiamiamo minerali acquosi, cioè minerali che contengono acqua nella loro composizione”, ha detto all’AFP.

All’inizio della sua storia, Marte aveva abbastanza acqua liquida sulla sua superficie da coprirla al di sotto dell’equivalente di un’altitudine compresa tra 100 e 1500 metri, secondo gli scienziati.

Per fare un confronto, 1.000 metri attraverso l’intero Pianeta Rosso equivalgono alla metà dell’Oceano Atlantico, secondo il calcolo di Eva Schiller.

Oggi l’altezza è di soli 20 a 40 metri secondo la stessa misura. L’acqua è nell’atmosfera o sotto forma di ghiaccio nei picchi polari o all’interno di Marte.

Allora dove è andato il resto?

Fino ad ora, i ricercatori hanno ritenuto che questa perdita d’acqua fosse causata da scarichi atmosferici.

READ  Bethesda Celebrates DOOM's Connection With Animal Crossing: New Horizons

Questo fenomeno è presente anche sulla Terra, ma è più pronunciato su Marte a causa della sua minore gravità.

Le molecole d’acqua sono fatte di ossigeno e idrogeno, ed Eva Schiller spiega che “gli atomi di idrogeno sono molto leggeri”. Di conseguenza, possono liberarsi dal campo gravitazionale di Marte e fuggire nello spazio. ”

Ma questa spiegazione non era sufficiente per spiegare la perdita di solo una piccola quantità di acqua.

Tuttavia, le osservazioni e le analisi satellitari dei vari rover inviati su Marte hanno mostrato che in realtà ne includevano di più.

Inoltre, lo studio del livello di deuterio su Marte, che forma una piccola frazione di idrogeno e fuoriesce meno nello spazio perché è più pesante, non ha aderito alle sole teorie sulla fuga atmosferica.

Lo studio, pubblicato martedì, costruisce per la prima volta un modello aggiungendo una teoria complementare.

Eva Schiller spiega: “Quando una pietra interagisce con l’acqua, c’è una serie di reazioni chimiche molto complesse che formano un minerale idratato”.

L’argilla è un esempio molto comune di un tale minerale ed è anche il più comune su Marte, secondo il ricercatore.

“La perdita di acqua nella crosta marziana è almeno uguale o maggiore dello scarico atmosferico”, dice. Pertanto, fino al 99% dell’acqua che è scomparsa dalla superficie di Marte potrebbe essere intrappolata nelle rocce.

Lo studio ha indicato che “la perdita di acqua nella crosta è un meccanismo molto importante per i pianeti, che determina quando diventano sterili”, come afferma il ricercatore.

Questo processo si verifica anche sulla Terra, ma grazie alla tettonica a placche (che non si trova su Marte), l’acqua intrappolata viene riciclata tramite fenomeni vulcanici.

READ  The images show an incognito prototype of an Apple Watch running with pre-installed watchOS software

Inoltre, sapendo che i minerali mortali su Marte hanno almeno tre miliardi di anni, ciò significa che il pianeta rosso ha già perso la maggior parte della sua acqua in quel momento, secondo lo studio.

“Marte era più o meno come lo conosciamo oggi, tre miliardi di anni fa”, dice Schiller.

Spera di poter migliorare i vari scenari considerati nel suo studio grazie al rover Perseverance della NASA, appena arrivato sul pianeta rosso.

“Il Perseverance Wagon studierà esattamente quei processi e le interazioni che causano la ritenzione idrica nella crosta”, dice. Può rivelarsi il “pezzo più importante del puzzle”, fornendo una risposta finale al puzzle.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *