gli immensi tentacoli delle “mafie dell’olio”

STORIA – La polizia ha appena compiuto diversi raid che mostrano una “convergenza” tra gruppi criminali precedentemente in competizione.

Si chiama “olio sporco”. Negli ultimi anni è nel contrabbando di idrocarburi che la mafia italiana ha rafforzato la sua presa. Dall’esplosione della produzione nelle aree controllate dallo Stato Islamico in Iraq, Libia e Siria, dalla liberalizzazione nel 2012 della distribuzione della benzina in Italia e dal moltiplicarsi delle “pompe bianche”, è esploso il contrabbando, arricchendo gli ambienti criminali.

Dal 2017 è diventato uno dei maggiori soggetti di intervento della Guardia di Finanza. E oggi, diverse grandi indagini parallele, portate avanti in diversi anni, sull’antimafia di Roma, Napoli, Catanzaro e Reggio Calabria, oltre che su Potenza e Lecce nel sud della Puglia, hanno appena sfociato in due colpi. spettacolare. Colpirono sia la Camorra e il suo clan Moccia di Afragola, sia la Ndrangheta, compresi i Piromalli, e le sue innumerevoli piccole clan locali.

L’8 aprile, 71 persone sono state prese in custodia dalla polizia,

Questo articolo è solo per gli abbonati. Hai ancora l’83% da scoprire.

Abbonamento: 1 € il primo mese

Può essere cancellato in qualsiasi momento

Già iscritto? Accesso

READ  Paul Valéry e l'Italia, incontro tra poeti

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *