Gli animali fanno una smorfia per rilevare il dolore

I ricercatori progettano e valutano scale di smorfia per valutare la sofferenza in vari animali come gatti, topi, ratti e cavalli.

Se gli animali non riescono a mettere in relazione le loro malattie, almeno mostrano espressioni facciali diverse quando provano dolore. L’interpretazione di queste “smorfie” è utile agli scienziati che studiano i farmaci antidolorifici e antidolorifici, così come ai veterinari o ai proprietari di animali domestici malati o feriti.

In una revisione sistematica pubblicata nel giornale DoloreRicercatori veterinari dell’Università di Montreal (UdeM) hanno esaminato 52 studi che descrivono in dettaglio diverse “squame di smorfia” del dolore in nove specie di mammiferi (topi, ratti, conigli, cavalli, maialini, pecore, agnelli, furetti, gatti e asinelli). Questi strumenti forniscono spunti visivi che danno un’idea dell’intensità del dolore in base all’espressione dell’animale. La posizione dei baffi, della testa e del muso, così come le pupille dilatate e gli occhi fissi, ecc., Sono tutte prove che la bestia sta soffrendo.

A volte questi cambiamenti sono molto sottili. Spiega Paulo Stegal, MD, professore presso la School of Veterinary Medicine di UdeM e uno dei tre autori del libro: Systematic Review. Ecco perché è molto importante disporre di uno strumento valido come un cipigliometro per riconoscere e trattare al meglio il proprio dolore. “

Secondo i ricercatori, se le smorfie sono affidabili nel valutare la sofferenza in gatti, topi, ratti e cavalli, sono meno accurate in altre specie a causa della mancanza di dati.

nel 2019, La squadra di Paulo Stegal Ha sviluppato la Feline Grimace Scale grazie a numerose foto e video. Per facilitare l’accesso a questo strumento, app mobile Sarà presto disponibile.

Per gli amanti dei cani, purtroppo non esistono ancora tali procedure. “Anche se ci sono diverse razze di gatti, hanno ancora espressioni facciali simili. Ma se confronti un pitbull con un alano o un chihuahua, hanno tutti tratti distintivi, il che rende difficile l’interpretazione del viso da rilevare nel dolore. Quindi continuiamo a hanno una lunga strada da percorrere prima che saremo in grado di progettare questa bilancia per cani”, sottolinea il ricercatore.

READ  Scopri in anteprima il nuovo progetto flagship Futura!

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *