“Giugno” | Il Congresso degli Stati Uniti approva un giorno festivo per segnare la fine della schiavitù

(Washington) In un raro momento di unità, i repubblicani e i democratici statunitensi hanno approvato mercoledì al Congresso una nuova festa federale, il 19 giugno, per commemorare l’emancipazione degli ultimi schiavi del Texas nel 1865.


Il presidente Joe Biden deve ora emanare questa legge, ma il suo sostegno è chiaro.

« Ce jour représente la liberté », a lance l’élue démocrate de la Chambre des représentants Sheila Jackson Lee, l’une des parlementaires qui ont porté le projet de loi pour faire de « Juneteenth » – contrazione de juin et 19 en anglais – vacanza.

La Camera ha adottato definitivamente questo testo con 415 voti favorevoli e 14 contrari, con il sostegno dei leader democratici e repubblicani.

Il giorno prima era stato approvato all’unanimità in Senato.

Davanti alla vecchia fotografia di un uomo di colore con la schiena strappata, Sheila Jackson Lee, un’eletta afroamericana, ha parlato in un globo semicircolare del “lungo viaggio” che aveva fatto fino a questo voto.

“Ma eccoci qui oggi, liberi di votare per Leonthanth come National Independence Day e come Federal Day per l’America”, ha detto.

“Riconoscere e imparare dagli errori del passato è essenziale per andare avanti”, ha scritto il senatore repubblicano John Cornyn, che ha portato con sé il disegno di legge.

Questi due parlamentari rappresentano il Texas al Congresso. In questo vasto stato, l’ultimo degli schiavi apprese, il 19 giugno 1865, che ormai erano liberi.

Il presidente Abraham Lincoln aveva già liberato gli schiavi dalla schiavitù due anni e mezzo prima, firmando l’1lui è Gennaio 1863 Proclamazione di emancipazione.

READ  Biden dovrebbe finire il muro di Trump?

Ma durante la guerra civile americana (1861-1865), la schiavitù continuò negli stati confederati meridionali.

Il capo dell’esercito confederato Robert Lee firmò la sua resa il 9 aprile 1865. Ci vollero più di due mesi perché le notizie raggiungessero la piccola città di Galveston, in Texas, il 19 giugno.

“Juneteenth” era già un giorno festivo in alcuni stati degli Stati Uniti, incluso il Texas, ma non è stato ancora contrassegnato con una data federale.

Gli appelli per renderlo una vacanza si sono moltiplicati dopo l’omicidio di George Floyd, un afroamericano ucciso da un poliziotto bianco il 25 maggio 2020.

La Camera Democratica ha affermato che questa data del 19 giugno “ci ricorda una storia segnata da brutalità e ingiustizia e ci ricorda la responsabilità che abbiamo di costruire un futuro di progresso per tutti, onorando l’ideale di uguaglianza” negli Stati Uniti. portavoce Nancy Pelosi.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *