frode fiscale | L’ex CFO della Trump Organization si dichiara colpevole

(New York) L’ex chief financial officer della Trump Organization, che è vicino a Donald Trump, si è dichiarato colpevole giovedì di frode ed evasione fiscale e dovrà testimoniare durante il processo contro la società, secondo un comunicato stampa dell’ufficio del procuratore generale di Manhattan .

Inserito alle 13:05.

La dichiarazione afferma che Allen Weissberg si è dichiarato colpevole di 15 capi di imputazione per frode ed evasione fiscale che hanno coinvolto $ 1,76 milioni di entrate non dichiarate tra il 2005 e il 2021.

L’uomo invisibile di 75 anni, che lavora per la famiglia Trump dal 1973, è accusato dai tribunali di aver beneficiato in natura, in particolare di un appartamento in un quartiere di lusso di Manhattan, affittando due Mercedes per lui e sua moglie, e avendo ricevuto denaro per le sue vacanze, nascondendolo tutto alle tasse.

“Oggi Allen Weisselberg ha ammesso in tribunale di aver usato la sua posizione nella Trump Organization per frodare i contribuenti e arricchirsi personalmente”, ha affermato il procuratore generale di Manhattan Alvin Bragg nella dichiarazione.

“L’accordo raggiunto con la corte collega direttamente la Trump Organization a un’ampia gamma di attività criminali e richiede al signor Weisselberg di fornire una preziosa testimonianza nel prossimo processo contro la società”, ha aggiunto.

Inizialmente, Allen Weisselberg si è dichiarato non colpevole nel luglio 2021 per le accuse e ha rischiato fino a 15 anni di carcere.

Secondo l’accordo, ora rischia solo cinque mesi di prigione e dovrà pagare quasi 2 milioni di dollari di tasse, con multe e interessi, secondo il comunicato stampa.

Allen Weisselberg ha rifiutato da tempo di testimoniare di persona contro Donald Trump fino ad ora.

READ  L'Afghanistan aspetta un nuovo governo

Un processo penale contro la Trump Organization, che la società si è dichiarata non colpevole, dovrebbe iniziare il 24 ottobre.

C’è un’altra indagine, questa volta in una causa civile ma legata agli stessi sospetti di frode finanziaria e fiscale presso la Trump Organization, guidata dal procuratore generale dello Stato di New York, Letitia James.

In questo contesto, Donald Trump ha dovuto testimoniare sotto giuramento la scorsa settimana, ma si è rifiutato di rispondere alle domande sotto 5e Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che consente a qualsiasi parte in causa di non testimoniare contro se stesso.

In un altro caso, la scorsa settimana la casa di Donald Trump in Florida è stata perquisita.

Gli investigatori dell’FBI sospettano che il repubblicano abbia violato l’US Spionage Act che regola rigorosamente il possesso di documenti riservati di sicurezza nazionale, alcuni dei quali devono essere consultati o visti solo in edifici sicuri, secondo i documenti del tribunale.

Una commissione parlamentare sta anche cercando di fare luce sul ruolo svolto dal miliardario nell’attacco al Campidoglio del 6 gennaio 2021.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.