Francia, Regno Unito e Italia hanno annunciato la fine delle evacuazioni

3000 persone sono al sicuro grazie ad Apagan

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian e il ministro delle Forze armate Florence Parly hanno annunciato venerdì sera in un comunicato stampa che la Francia ha posto fine all’evacuazione di Abagan in Afghanistan.

I due ministri hanno affermato: “Il rapido disimpegno delle forze americane responsabili della sicurezza dell’aeroporto di Kabul è stato confermato a breve termine e le condizioni di sicurezza non sono più state soddisfatte all’aeroporto e le evacuazioni sono terminate venerdì 27 agosto”. .

L’operazione Abagan è stata lanciata il 15 agosto su richiesta del presidente francese Emmanuel Macron dopo che i talebani hanno preso il potere in Afghanistan.

“In meno di due settimane, i soldati francesi hanno trasportato con successo quasi 3.000 persone in salvo, inclusi più di 2.600 afgani che sono stati accolti in Francia”, ha scritto Florence Parly su Twitter.

La Francia ha annunciato che continuerà il suo lavoro per proteggere le persone vulnerabili in Afghanistan dopo il 31 agosto.

“Continueremo i nostri sforzi con i funzionari talebani per assicurarci che dopo il 31 agosto non pongano alcun ostacolo alla partenza di coloro che lo desiderano”, ha affermato il ministro degli Esteri francese e il ministro delle Forze armate.

Una delegazione francese ha incontrato i rappresentanti dei talebani a Doha giovedì per la prima volta da quando hanno preso il potere in Afghanistan il 15 agosto. Queste discussioni si sono concentrate sulla situazione all’aeroporto di Kabul e sulle evacuazioni, secondo le due parti.

14.500 persone sono state evacuate dal Regno Unito

Il comandante delle forze armate britanniche, il generale Nick Carter, ha dichiarato prima del ritiro dell’esercito britannico che il processo di evacuazione dei civili nel Regno Unito in Afghanistan terminerà sabato.

READ  FTDES | Scadono i termini per la riesportazione dei rifiuti italiani, chi beneficia del reato?

“Ci stiamo avvicinando alla fine dell’evacuazione, che avverrà nel corso della giornata, dopo la quale sarà ovviamente necessario far uscire le nostre forze sull’aereo rimanente”, ha detto al programma Today di BBC Radio 4.

Secondo lui, ora sono “pochissime” le agenzie che evacuano ancora i civili dall’Afghanistan attraverso l’aeroporto di Kabul, dove migliaia di persone che sperano di lasciare l’Afghanistan ad agosto sono nelle mani dei talebani.

L’evacuazione è avvenuta “nel modo più agevole possibile date le circostanze”, ha continuato il generale Carter, “ma non siamo stati in grado di far uscire tutti, il che è straziante”.

Il ministero della Difesa ha confermato venerdì che più di 14.500 persone sono state evacuate dal 13 agosto, inclusi circa 8.000 afgani ammissibili al programma per il personale afghano che lavora a livello locale nel Regno Unito.

Ha detto che d’ora in poi verranno prelevati solo i candidati all’uscita i cui casi sono già stati trattati, dopo la chiusura del centro di cura presso l’Hotel Baron vicino all’aeroporto.

Ha aggiunto che “la capacità del Regno Unito di affrontare altre questioni è stata gravemente ridotta e il numero aggiuntivo (relativo agli sfollati) sarà limitato”, sottolineando la necessità di fare spazio “per eliminare i restanti diplomatici e militari”.

Il segretario alla Difesa Ben Wallace ha stimato venerdì che fino a 150 cittadini britannici e tra 800 e 1.100 afgani idonei non potevano essere eliminati, scatenando la rabbia tra i ranghi conservatori al potere e all’opposizione.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha confermato che sposterà “cielo e terra” per continuare a far uscire le persone dall’Afghanistan dopo la data prevista per il 31 agosto per il ritiro dei soldati statunitensi, dopo 20 anni di guerra.

READ  Vivi il tuo sogno grazie alla follia immobiliare

L’Italia ha evacuato più afgani di qualsiasi altro Paese dell’Unione Europea

Con quasi 5.000 persone che lasciano l’Afghanistan, l’Italia ha evacuato più afgani di qualsiasi altro paese dell’UE, ha detto sabato il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio. “Vorrei ringraziare tutti coloro che in questi giorni hanno lavorato per evacuare quasi 5mila afgani – ha detto all’aeroporto di Roma Fiumicino Luigi Di Maio -. Siamo il primo Paese dell’Unione Europea per numero di cittadini afgani evacuati. ”

L’ultimo aereo del ponte aereo allestito dall’Italia è arrivato sabato mattina con a bordo 58 afgani, portando a 4900 il numero dei cittadini afgani evacuati dall’Italia in poche settimane. Sabato mattina sono tornati anche i diplomatici e il personale di sicurezza ancora presenti a Kabul .

Roma ora spera di riuscire a fuggire dagli altri afghani con l’aiuto delle Nazioni Unite, delle Ong e dei Paesi della regione.

“Ci sono ancora molti cittadini afgani in attesa di essere evacuati e non possiamo più farlo attraverso il ponte aereo, ma siamo pronti, con le Nazioni Unite e i paesi vicini all’Afghanistan, a lavorare per garantire a quelle persone che hanno lavorato con noi negli ultimi vent’anni, di avere la stessa possibilità confermata dal Sig. Di Maio.

“Fina la prima fase e ora inizia la fase più difficile. Una seconda tappa in cui il nostro dovere deve essere non abbandonare il popolo afghano, non abbandonare le donne afghane, non abbandonare le giovani donne afgane, e non abbandonare tutti quegli anni che hanno mostrato un grande desiderio di sviluppo e cambiamento”.

L’Italia è stata, con Stati Uniti, Turchia, Regno Unito e Germania, uno dei cinque Paesi maggiormente coinvolti nella missione NATO “Resolute Support”.

READ  Visualizza lavoro | Studio legale

L’ultimo contingente italiano, composto da poche decine di soldati, ha lasciato Herat nell’ovest dell’Afghanistan a fine giugno.

Secondo il Ministero della Difesa italiano, 723 soldati italiani sono rimasti feriti e 53 hanno perso la vita, su un totale di 50.000 soldati dispiegati negli ultimi 20 anni in Afghanistan.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *