Festival Internazionale del Cinema di Marrakech: 76 film provenienti da 33 paesi partecipano alla 19a edizione

– concorso ufficiale

Alma Viva di Cristel Alves Mira (Portogallo)

Ashkal Youssef Chebbi (Tunisia)

– Astrakan di David Debesville (Francia)

– Biografia di Muqbel Mubarak (Indonesia)

– Blu caftano (blu caftano) Maryam Touzani (Marocco)

Canzone Faraway (Kansao o Lungi) di Clarissa Campolina (Brasile)

– BENZINA di Alina Ludkina (Australia)

– Scarpe rosse (Zapatos rojos) di Carlos Kaiser Aeselmann (Messico)

– Rice Boy Sleeps di Anthony Shim (Canada)

– Savage (Amina) Ahmed Abdullah (Svezia)

Snow and Bear (Car-VI) di Celcin Ergun (Turchia)

– Il cavaliere nero (Samron’s Story), diretto da Imad Ali Ibrahim Dehkoordi (Iran)

– Sapore di mela rossa (sapore di mela, rossa) di Ihab Tarabay (Siria)

Lightning (Thunder) di Carmen Jacquier (Svizzera)

Sessioni di festa

Film di apertura: IL PINOCCHIO DI GUILLERMO DEL TORO, regia di Guillermo del Toro (Messico) e Mark Gustafson (USA)

Armageddon Time di James Gray (USA)

Nato dal paradiso (nato dal paradiso) di Tariq Saleh (Svezia)

– Marlowe di Neil Jordan (Irlanda)

– MASTER GIARDINIERE di Paul Schrader (USA)

– Febbre Mediterranea Lamha Hajj (Palestina)

Nuoto: Sally El Husseiny (Egitto, Regno Unito)

– Unionista Jean-Paul Salomè (Francia)

– sessioni private

Days of Burning (Korak Gunler) di Amin Alper (Turchia)

Corsage di Marie Kreutzer (Austria)

I maledetti non piangono (I maledetti non piangono), di Fezal Boulifa (Marocco).

– Annuncio (Ariyippu), di Mahesh Narayanan (India)

– La figlia eterna, di Joanna Hogg (Regno Unito)

– Goodland (Fansscape Land | Land of Voljaya), da Hellenore Palmason (Islanda).

Les Harkis di Philippe Faucon (Francia)

– Monica, di Andrea Paloro (Italia)

– Niola a Jose Miguel Ribeiro (Portogallo)

READ  L'Italia affronta incendi e ondate di caldo: 16 città in massima allerta

– La Beers (Khairs) di Jafar Panahi (Iran)

Queens (Malikat) Yasmine Benkirane (Marocco)

– RETOUR A SEOUL (Back to Seoul), di Devi Chu (Cambogia)

– RHINEGOLD (Rheingold), di Fatih Akin (Germania)

Saint Omer (Saint Omar) di Alice Diop (Francia)

– SOUS LES FIGUES (Sotto i fichi) di Arij El Sehiri (Tunisia)

– 11° Continente

Beirut (incontro a Beirut) Burhan Al-Alawi (Libano).

– Burning Dry Earth (Mato Seco im Chamas), di Juana Pimenta (Portogallo) e Adderly Quiros (Brasile)

– EAMI, di Paz Encina (Paraguay)

– Festa del papà, da Kivu Ruhorahusa (Ruanda)

– Frammenti di paradiso, Adnan Baraka (Marocco)

– LE CHAMPS DES MOTS: Conversazioni con Samar Yazbek (Nei campi del discorso: Conversazioni con Samar Yazbek / Grateful Coast), Rania Stephan (Libano)

– Seas of the Mountains (Marinheiro das Montanhas) di Karim Ainouz (Brasile)

– Mona Motu (Figlio dell’altro), Jean-Pierre Dikongui Biba (Camerun)

– Tranquility, di Albert Serra (Spagna)

– Polaris Lainara Fira (Francia)

– Numero reale. 21 AKA RESTORING SOLIDARITY, di Muhannad Al Yaqubi (Palestina, Marocco)

– REWIND & PLAY, di Alain Gomes (Senegal)

– Panorama del cinema marocchino

– Apertura del panorama cinematografico marocchino: Summer (Ayam Seif) Faouzi Bensaidi (Marocco).

– Abdallah, Hicham Ayouch (Marocco)

Ladri di veleno/Pesci d’oro (Asmak hamrae) di Abdessalam Kelly (Marocco)

– La Postcard / Postcard (nell’angolo di Omi), per i nomi dei modder (Marocco)

– Visita a Simone Bitton (Marocco)

Pubblico giovane

– LE PHARAON, LE SAVAGE ET LA PRINCESSE (Il faraone nero, il selvaggio e la principessa), Michel Aucelot (Francia)

– Donia e la Principessa di Aleppo (Dunia e la Principessa di Aleppo) di Maria Zarif e Andre Cady (Canada)

READ  Tutti i programmi TV dal 4 al 10 settembre 2021

– Houa Lemmouna Doukoury (Francia)

– YUKU ET LA FLEUR DE L’HIMALAYA (Yuku e il fiore dell’Himalaya), di Arnaud Demoinck (Belgio), Rémy Doren (Francia)

Spettacoli all’aperto in piazza Jemaa El Fna

– AD ASTRA, di James Gray (USA)

– Quasi con DJ MOHABBAT (quasi amore) di Anurag Kashyap (India)

Confraternita di Muhammad Amin al-Ahmar (Marocco)

– Julie Boy, Zoya Akhtar (India)

– The Minion: Once Upon a Time Gru, di Kyle Balda, Brad Ableson e Jonathan Del Val (USA)

30 milioni di Rabie Chajid (Marocco)

– Papà o mamma, di Martin Bourbollon (Francia)

Infine, verranno proiettati alcuni film di personalità internazionali e marocchine, cui il festival renderà omaggio, al Palais des Congrès, al Cinema Colisée e a Djemaa El Fna, completando questa ricca collezione di 76 film.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.