Ferrovie, spiagge, case… In California, l’oceano inghiotte la costa

(San Clemente) Lungo una delle ferrovie più belle del mondo, Steve Lang osserva le onde che si infrangono instancabilmente sugli scogli e traboccano sui binari. Una triste scena di erosione e la scomparsa della spiaggia appena sotto.

Inserito alle 7:00

Fonsegrive romano
Agenzia media francese

“Vengo qui ogni giorno e mi viene da piangere”, ha detto il surfista 68enne all’AFP in prima fila nella sua lussuosa casa di fronte all’oceano a San Clemente.

In questa città della California meridionale, l’oceano sta guadagnando terreno senza sosta. Davanti al ponte ferroviario dove passa il Pacific Surfliner, questo treno famoso per il suo panorama eccezionale, ha fatto evaporare una spiaggia che si estendeva per più di cento metri qualche anno fa.

Senza questa barriera naturale, onde di tempesta tropicali Kai A settembre la terra si muoveva sotto le sbarre. La rotta, che trasporta 8,3 milioni di passeggeri all’anno tra San Diego e San Luis Obispo, è ora chiusa per lavori di emergenza.

cambiamento climatico

In vista, l’ansia regna all’interno della residenza “Cyprus Shore”, l’enclave sicura di cento ville di lusso dove l’ex presidente degli Stati Uniti Richard Nixon ha posseduto per molto tempo una villa. Perché senza una spiaggia a sostegno del quartiere, la frana su cui è costruita sta lentamente spingendo in mare alcune case.

Il parcheggio sta crollando sulla scogliera e due ville dai muri crepati sono ora ufficialmente inagibili.

“Valeva almeno 10 milioni di dollari”, sospira il signor Lang. Abbiamo suonato l’allarme per anni, ma inutilmente. »

L’area è una vera e propria “microcopia” dei problemi che verranno lungo i 2.000 km di costa della California, riassume il vice sindaco di San Clemente Chris Duncan. “L’intera costa della California è minacciata dal cambiamento climatico e dall’erosione”.

READ  YouTube rimuove il video dell'indagine su Donald Trump

Questo fenomeno naturale è esacerbato dall’innalzamento del livello dell’acqua causato dallo scioglimento dei ghiacciai e dall’aumento della forza delle onde dovuto al riscaldamento degli oceani.

“Ha perso la battaglia in anticipo”

Entro il 2050, da 8 a 10 miliardi di dollari di infrastrutture potrebbero finire sott’acqua in California, e altri 6-10 miliardi di dollari di costruzioni saranno nella zona pericolosa durante l’alta marea, secondo uno studio pubblicato alla fine del 2019 dallo stato. Ufficio assemblee.

A San Clemente le autorità di trasporto locali stanno cercando di installare le rotaie. Ogni giorno tonnellate di rocce vengono scaricate per rinforzare la diga sotto la ferrovia. Questo lavoro dovrebbe durare 45 giorni e costare 12 milioni di dollari.

Ma “è una battaglia persa”, sospira il signor Duncan. La linea era già chiusa a settembre 2021 per aggiungere 18.000 tonnellate di roccia, senza risolvere il problema. “Aiuta a stabilizzare temporaneamente la pista, ma provoca una massiccia perdita di sabbia”, ha detto, quando le onde l’hanno colpito duramente.

Il democratico eletto chiede aiuto alle autorità federali per rifornire la sua città di sabbia su larga scala.

“Abbiamo bisogno di tecnologie per la rigenerazione e la conservazione della sabbia per assicurarci che le nostre spiagge siano ricostruite”, insiste. “Abbiamo bisogno di recinzioni marine, coralli vivi e alberi verdi dove potrebbe essere appropriato”.

Tornare indietro, grande sfida

A lungo termine, “la soluzione migliore sarebbe quella di tornare indietro (i binari) lontano dalla costa”, spiega ad AFP Joseph Street, geologo della California Coastal Commission. “Ma questo è chiaramente uno sforzo molto grande e costoso”, ha detto, senza specificare il destino delle abitazioni.

READ  L'Iran vieta le donne nelle pubblicità dopo brani "controversi".

“Molti dei nostri decisori hanno rallentato”, afferma Stephanie Sekesh Quinn di Surfrider. La ONG per la difesa ambientale sta facendo una campagna per spostare la linea lontano dalla costa, un’opzione raccomandata nel 2009 in un rapporto federale.

Ma il concetto di “pensionamento vigilato” rimane controverso. “La gente non vuole sentirne parlare”, ammette l’attivista. La California ha solo poche iniziative di questo tipo.

Sulla stessa linea ferroviaria di San Clemente, le autorità di San Diego, un centinaio di chilometri a sud, hanno appena annunciato a luglio un massiccio progetto da 300 milioni di dollari, per spostare parte delle rotaie sotto il loro controllo nell’entroterra.

Ma a San Clemente è indiscutibile.

“Può essere solo un’opzione di ultima istanza”, afferma il signor Duncan, il vicesindaco. La gente si aspetta che funzionari eletti come me salvino le nostre case e le nostre ferrovie, non si arrendano. »

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.