Federico Chiesa, il sorprendente uomo provvidenziale d’Italia

Cosa segue dopo questo annuncio

Se l’Italia è in finale di Euro lo deve in parte a un uomo che non era per forza atteso: Federico Chiesa. Marcatore di sinistra ai supplementari contro l’Austria agli ottavi di finale, il transalpino ha rimontato in semifinale contro la Spagna, stavolta con un bel ricciolo dalla destra. Con un Berardi più abile sotto porta, avrebbe potuto anche chiudere la partita con un assist sul cronometro. Peccato per le statistiche, si consolerà con un titolo di man of the match e una finale in programma domani sera a Wembley (da seguire in diretta con commento su FM).

“Una delle serate più belle della mia vita? Senza dubbio, sì! Giocare partite del genere per il mio Paese e rappresentare 60 milioni di italiani è un sogno incredibile che mai avrei immaginato di realizzare”, ha infiammato mercoledì sera il giocatore della Juventus, marcatore durante un Euro 25 anni dopo il padre, Enrico. A 23 anni ea 5 stagioni dall’esordio tra i professionisti alla Fiorentina, il figlio si è fatto un nome. È addirittura in procinto di diventare l’uomo provvidenziale della Squadra Azzurra, cosa che pochi si aspettavano qualche settimana fa.

Mancini: “Un giocatore che fa paura agli avversari”

L’esterno della Juventus ha iniziato in panchina questo Europeo. Roberto Mancini ha preferito Domenico Berardi e Lorenzo Insigne sulle fasce per accompagnare Ciro Immobile durante la fase a gironi. Stabilitosi contro il Galles, dove è stato eletto migliore in campo, quando la Nazionale si era già qualificata agli ottavi di finale, dovrà nuovamente sedere in panchina al fischio d’inizio di Italia-Austria. Abbiamo vinto questa partita grazie ai giocatori che sono venuti dalla panchina, sono entrati con la mentalità giusta e hanno trovato il modo per risolvere questa partita. Molto bravi Federico (Chiesa) e (Matteo) Pessina”, ha testimoniato Mancini dopo l’ottava di finale.

READ  Cagliari-Inter 1-3: reti di Sottil, Barella, D'Ambrosio e Lukaku

L’ingresso in campo di Chiesa ha ovviamente soddisfatto il suo allenatore, che ha giocato con il padre negli anni ’80 e ’90, in particolare nella Sampdoria. Ai vecchi tempi supersub, da allora non ha più lasciato l’undici titolare, a discapito di Berardi. “Fisicamente, Federico è diverso da suo padre. Enrico era un attaccante, Federico è un’ala, corre più del padre. Entrambi sono introversi, come tutti i genovesi, sempre corretti e seri. È un giocatore che spaventa i suoi avversari. Ci vogliono sempre due uomini per marcarlo”, ha detto Mancini lo scorso gennaio.

Un uomo bisognoso diventato eroe

La compostezza e il senso dello scopo Fede ha fatto la differenza, lui che a volte viene deriso dall’inizio della sua carriera per la sua scarsa efficienza in area (34 gol in 167 partite di Serie A, 3 gol in 31 selezioni). Considerato un gran lavoratore, quello che è ancora in prestito per una stagione dalla Fiorentina alla Juventus (l’opzione di riscatto è fissata a 40 milioni di euro) è in procinto di guadagnarsi i titoli di eroi di un intero popolo. “Per due o tre anni ho faticato a trovare il tempo per giocare perché il mio fisico non era sviluppato come gli altri ragazzi della mia età, riavvolgere il pistone a Undici Rivista. Quando hai 14 o 15 anni, inizia a sembrare una situazione un po’ senza speranza. “

“Ho pensato più volte di arrendermi, ma la mia famiglia ci ha sempre creduto e, in definitiva, anche me. Il duro lavoro in allenamento ha davvero dato i suoi frutti, è questo che mi ha spinto in Serie A e ora sto cercando di migliorare settimana dopo settimana. È lo stesso atteggiamento di Cristiano Ronaldo. Non ha il talento di Messi, ma ha vinto altrettanti Pallone d’Oro (uno in meno in verità, ndr)”, ha osato anche il compagno di squadra portoghese in Piemonte. Come il suo compagno, ama senza dubbio la statistica e la legge della serie. Chiesa ritrova Wembley dove aveva già segnato all’ottavo e poi in semifinale. Quindi, mai due senza tre?

READ  Alexei Navalny è stato arrestato non appena è atterrato a Mosca

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *