Europa | Il presidente della Juventus afferma che la Premier League è stata un “grido d’allarme”

(Torino) Il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha detto che il tentativo di organizzare la Premier League europea non è stato un “colpo di stato”, ma “un disperato grido di allarme per un sistema che, consapevolmente o inconsapevolmente, va verso il fallimento”.


Agenzia di stampa

Oltre a Real Madrid e Barcellona, ​​la Juventus è uno dei pochi pensionati che ha rifiutato di rinunciare alla Premier League tra i 12 fondatori del progetto abortito.

L’ente calcistico europeo UEFA ha avviato un’azione disciplinare contro i tre ribelli e funzionari italiani hanno affermato che la Juventus rischia l’espulsione dalla Serie A se non abbandona il campionato separatista.

Agnelli ha perso più degli altri nel fiasco della Premier League, essendosi dimesso da presidente della European Club Association, dovendo così automaticamente lasciare il suo posto nel Comitato Esecutivo UEFA.

“Per anni ho cercato di cambiare le competizioni europee dall’interno, perché i segnali della crisi erano evidenti anche prima dell’epidemia”, ha detto Agnelli in una conferenza stampa tenuta per salutare il ds della Juventus Fabio Paratici.

Agnelli era uno stretto confidente del presidente UEFA Aleksander Ceferin, che in seguito lo descrisse come un “serpente” per la sua opposizione all’organo di governo del calcio europeo.

“L’accordo tra i fondatori era subordinato al previo riconoscimento della competizione da parte della UEFA”, ha detto Agnelli. La risposta è stata sproporzionata, con termini offensivi e metodi arroganti, poi rivolta a tre club.

“Non è questo tipo di comportamento il motivo per cui il calcio si sta riformando di fronte a questa crisi”, ha aggiunto Agnelli. Fortunatamente, non so che tutti in UEFA la pensino allo stesso modo. Tuttavia, la voglia di dialogo non è cambiata. […] Altri sport hanno affrontato cambiamenti come questo e quasi tutte le parti interessate concordano sul fatto che il paradigma deve cambiare. ”

READ  Manchester United, Tottenham e Ajax sono in buona forma

La Super League è stata lanciata pubblicamente il 18 aprile ed è crollata entro 48 ore tra contraccolpi e minacce legislative da parte del governo del Regno Unito.

Gli altri nove club partecipanti hanno raggiunto un accordo con la UEFA: Milan, Inter, Atletico Madrid, Arsenal, Liverpool, Manchester United, Tottenham, Chelsea e Manchester City.

Questi club hanno accettato i termini della UEFA di confiscare il 5% dei portafogli nelle competizioni europee durante la stagione 2022-2023 e di pagare un totale di 15 milioni di euro (22 milioni di tesori) come “gesto di buona volontà” per bambini, giovani e giovani. Calcio popolare.

Juventus, Barcellona e Real Madrid sono determinate a riformare completamente le competizioni e, soprattutto, nell’interesse dei club che ci fanno temere questa situazione. ”

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *