Enrico Letta: “La forza di Marine Le Pen sta nella sua mancanza di responsabilità”

Enrico Letta ricopre la carica di Segretario del Partito Democratico Italiano (centrosinistra) da marzo 2021. L’ex direttore della Scuola di Affari Internazionali dell’Istituto di Scienze Politiche e alto conoscitore della vita politica francese, ha partecipato a due conferenze a Parigi all’inizio di una settimana a seguito delle elezioni francesi, che ritiene cruciali per il futuro dell’Europa.

Che lezione trai dal primo turno delle elezioni presidenziali? C’è un trend che ti ricorda la situazione italiana?

La principale somiglianza è la dualità tra le grandi città da un lato e le aree rurali e semiurbane dall’altro. È impressionante che Marine Le Pen abbia il 23% a livello nazionale e il 5% a Parigi. È una pausa che troviamo anche in Italia: al centro sinistro abbiamo vinto nelle grandi città, mentre in campagna è forte il campionato di Matteo Salvini. C’è una grande domanda, in Francia come in Italia, che dovrebbe interrogare le parti che detengono i progetti europei e l’apertura: come rendere comprensibili questi progetti da persone che non vivono in centri legati alla globalizzazione? In che modo apertura, integrazione e indipendenza sposano la spiritualità? Questa domanda va risolta, perché l’hinterland di Francia e Italia ha subito una progressiva perdita di servizi pubblici. La sfida è riconquistare i perdenti dalla globalizzazione. Sarà interessante vedere se la dicotomia tra globalizzazione ed europeismo vs ritiro e sovranità rimarrà al centro del prossimo quinquennio.

La scomparsa dei due partiti tradizionali francesi, il Partito socialista e il Partito repubblicano, l’ha spaventata?

Penso che questa sia una vera differenza rispetto alle altre due maggiori democrazie europee, Germania e Italia, dove il ruolo dei partiti è ancora importante. In Francia si assiste a un’estrema personalizzazione dei movimenti politici, mentre l’Italia osserva una tendenza opposta: alcune formazioni che hanno rifiutato l’idea di un partito politico, come il Movimento Cinque Stelle (M5S), stanno ora cercando di strutturarlo. Senza queste organizzazioni, la governance può essere complicata: l’Italia deve affrontare sfide molto difficili che possiamo affrontare con relativa calma grazie al fatto che abbiamo una grande alleanza. Se La Ligue non è in maggioranza, questo sarà un problema politico e sociale, perché è un partito che ha un peso molto grande sia in Parlamento che nello Stato. Al contrario, è coinvolto nella determinazione della politica del governo e quindi ha un registro e le azioni di cui è responsabile nei confronti degli elettori e degli altri partiti. Le elezioni del 2018 sono state una conferma dei due partiti populisti, La Ligue e M5S, ma il legislatore li ha costretti a fare scelte politiche, smantellando il loro potenziale anti-regime.

Molti elettori di sinistra hanno scelto Melenchon perché era nella posizione migliore per passare al secondo turno. Lui stesso farebbe l’errore di esagerare la sua capacità di dominare.

Vedi i limiti del sistema francese senza compromessi?

penso che La forza di Marine Le Pen sta nella sua mancanza di responsabilità: è sempre rimasta lontana da governo e parlamento, il che ha rafforzato la sua posizione anti-regime e le ha permesso di non dover difendere alcuna opzione istituzionale e politica. Quando ho discusso con lei su France 2, un mese fa, le ho chiesto del voto del suo partito al Parlamento europeo, dove il riavvicinamento è evidente con gli interessi russi. Sembra non dare importanza alle mie osservazioni, come se non fosse abituata a difendere posizioni istituzionali: il suo programma sfida le azioni degli altri. Voglio essere molto chiaro: penso che la capacità del sistema francese di tenere i libici fuori dal governo sia una buona cosa, ma c’è una differenza tra rappresentanza del governo e rappresentanza parlamentare. Avere un partito che rappresenti un quarto dell’elettorato interamente al di fuori del dibattito istituzionale contribuisce al successo del discorso del partito.

READ  Cosa significa chiamare l'ambasciatore

Come vede il risultato di Jean-Luc Melenchon? La sinistra radicale è il futuro?

Dobbiamo stare attenti a leggere questo voto come un voto per l’adesione, molti elettori di sinistra hanno scelto Mélenchon perché era nella posizione migliore per arrivare al secondo turno. Lui stesso sbaglierebbe sopravvalutando la sua capacità di dominare, lo dimostra bene il risultato del 2017: ha raggiunto il 20% al primo turno delle presidenziali e poi non è riuscito a sfruttarlo a causa delle sue posizioni estremiste. C’è un elettorato disposto a sostenere un progetto aperto, europeo, socialmente consapevole e di sinistra come quello che tengo; La sola protesta non è sufficiente per elaborare un piano di governo.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.