Emmanuel Macron e le pensioni: strategia bulldozer

Emmanuel Macron aveva introdotto le riforme pensionistiche e innalzato l’età pensionabile a 65.000 e omega nella sua campagna presidenziale. Tuttavia, l’inizio dell’anno scolastico, sullo sfondo di crisi inflazionistiche e geopolitiche, sembrava aver dimenticato questo tema. Compresi i suoi eminenti ministri. All’inizio di settembre, in un piccolo comitato a Bercy, Bruno Le Maire ha detto di scommettere di più, nel prossimo futuro, su “Piena occupazione e prescrizioni per il ritorno della finanza pubblica” Invece di eseguirlo “Riformare un sistema pensionistico che non ha sostegno da nessuna parte”. Il Ministro dell’Economia sostiene: “Né i sindacati né il Medef lo vogliono, e questo complica l’accordo”.

Ma il capo di stato, che non ama altro che una sorpresa, ancora una volta ha preso d’assalto il suo mondo. Esitante, capo? affatto. Il 12 settembre, in risposta a una domanda sulla citata riforma da parte di un gruppo di giornalisti, ha detto: “Non ho dubbi che questo dovrebbe essere fatto. Non ho dubbi che questo sia efficace e giusto. Non ho dubbi che non dovremmo aspettare perché dovrebbe entrare in vigore in estate [2023]. » Anche se significa entrare in vigore questo autunno. La macchina (infernale?) è stata lanciata.

Perché questa fretta? Innanzitutto perché Emmanuel Macron ha imparato la lezione dal suo primo mandato di cinque anni, quando centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza contro una riforma delle pensioni varata troppo tardi, una volta terminato lo stato di misericordia. Sa anche che un file

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.