Nina, il ristorante italiano a metà tra tradizione e creatività

Cibo e gastronomia

Un’istituzione che sarà ammirata da tutti gli amanti della gastronomia italiana e desiderosi di scoprire.

A due passi dal cimitero di Ixelles, Nina è un ristorante italiano che ha un bell’aspetto. Con il suo arredamento contemporaneo e caldo, la struttura promette un puro momento di fuga per i suoi clienti. Curiosi di conoscere il menù e il piatto dello chef, abbiamo optato per il menù esplorazione di cinque portate a 62€. Infatti, dal lunedì al mercoledì sera, oltre al suo menù fisso, Nina propone un menù scoperta con degustazioni di street food e il suo calice di Prosecco, antipasti, prime, seconde e dulce secondo l’estro dello chef. Per avere un’idea dei prezzi i piatti vanno da 17,50€ a 24,50€.

Leggi anche > Le Gastronome, il ristorante stellato delle Ardenne che colpisce per creatività e prezzi

Dal corridoio abbiamo una vista diretta della cucina. Abbiamo potuto vedere gli chef in azione. Le tagliatelle vengono trasferite delicatamente dalle padelle ai piatti e il pesce e la carne vengono restituiti a pochi minuti sotto gli occhi stupiti dei clienti. Nei grandi frigoriferi puoi vedere molti dei prodotti più freschi che il ristorante offre nel suo menu. Formaggi, salumi… tutti prodotti italiani.

Un elenco attentamente studiato

La nostra degustazione è iniziata con la bruschetta al basilico, un antipasto molto fresco e gustoso. A seguire, la burrata servita con crema di peperoni e affumicata su legno di quercia. Questo piatto da solo merita una visita, servito sotto il campanello, e svelato sotto una nuvola di fumo che profuma l’intera stanza con un delizioso aroma. Poi lascia il posto alla pasta fatta in casa, ovviamente, servita con panna acida cremosa e gamberi fritti. Come portata principale, abbiamo gustato un pezzo di polpo grigliato servito con crema di zucchine, verdure di stagione e patate novelle. Infine, il pasto si è concluso con i cannoli di ricotta, un dolce tipico italiano croccante e rinfrescante allo stesso tempo. Ad accompagnarci durante tutta la degustazione, abbiamo scelto un vino bianco secco tipico italiano, il Pecorino, anche se la lista dei cocktail ha attirato la nostra attenzione.

Il menu ci ha tentato dall’inizio alla fine e soprattutto ci ha riempito. Le porzioni sono generose, soprattutto per il menu di cinque portate. I piatti ci portano direttamente in Italia e tutti hanno un tocco di imprevisti che speriamo di trovare quando andiamo al ristorante. Anche i gestori del posto sono simpatici e si preoccupano sinceramente dell’esperienza degli ospiti. Per la cronaca, il ristorante è stato chiamato Nina in onore della nonna italiana del gestore che ha saputo trasmettere la sua passione per la gastronomia alla nipote.

READ  Lovato in Atalanta, Xhaka allontanandosi dalla Roma, riuscirà dalla Fiorentina a rilanciare in Belgio o in Germania?

Un luogo che vuole anche essere cosmopolita, perché se durante la settimana è tranquillo, il venerdì e il sabato sera, il DJ prende il posto per portare una nuova esperienza di intrattenimento ai clienti. È utile sapere che la struttura offre anche menu su misura per le tue occasioni, come i compleanni. Vuoi scoprire Nina? Sentiti libero di prenotare il tuo tavolo qui sul sito web del ristorante.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.