Economia. La produzione di vino francese dovrebbe diminuire del 29% nel 2021

La produzione di vino francese dovrebbe diminuire del 29% rispetto al 2020, attestandosi a 33,3 milioni di ettolitri, a causa delle forti gelate primaverili e della pressione delle malattie dell’uva durante l’estate, secondo una nuova stima del ministero dell’Agricoltura.

All’inizio di agosto Agreste, l’ufficio di statistica del ministero, prevede un calo del raccolto dal 24% al 30% nel 2021 (tra 32,6 milioni e 35,6 milioni di ettolitri).

A partire dal 1° settembre ha confermato che la produzione sarà “storicamente bassa, inferiore a quella del 1991 e del 2017, e risentirà anche delle forti gelate primaverili”. Si prevede che sarà il 25% in meno rispetto al raccolto medio degli ultimi cinque anni.

Malattie dovute all’umidità

Il clima estivo umido in parte della Francia ha aiutato lo sviluppo di malattie (oidio e oidio), che hanno esacerbato le perdite.

Agresti assicura che la vendemmia avverrà entro il 2020, che è stato un anno in anticipo.

Nella prima metà di aprile, quasi tutte le regioni vinicole francesi hanno subito diverse notti consecutive di forti gelate, mentre le viti stavano già iniziando a germogliare a causa di un inverno mite.

Nel 2021 il raccolto dovrebbe avvicinarsi a quello del 1977, quando il raccolto di vino scese a causa di gelate devastanti e piogge estive.

La Francia è il secondo paese produttore di vino al mondo dopo l’Italia e il primo paese esportatore.

READ  6 soluzioni auboise per mangiare bene

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *