“Disgustoso” e “immorale”, un film sulle principesse che ha tirato fuori Jordan dalla corsa per gli Oscar.

Il film del regista egiziano Mohamed Diab, accusato di aver insultato i prigionieri detenuti da Israele e dalle loro famiglie, ha suscitato molte critiche in Palestina.

Dal dramma familiare alla controversia geopolitica. Il regista egiziano Mohamed Diab (678Di certo non si aspettava il suo ultimo film, principessaNon guadagnargli un tale torrente di odio. La volta che Jordan ha indossato per correre gli Oscar del 2022, il lungometraggio alla fine non andrà in competizione, a causa di una sceneggiatura Serve l’occupazione israeliana in un Prigionieri beffardiSecondo i critici palestinesi che si sono diffusi sui social network. Oltre a fermare le trasmissioni nel Paese. Una doccia fredda del regista Mohamed Diab dopo il suo spettacolo principessa In vari festival – in Italia, Tunisia, Egitto e altrove – ha organizzato una campagna di un mese con la Giordania, dove è stato girato il film, per rappresentare il regno agli Oscar.

Oggetto del primo attrito, il film affronta un tema doloroso, che è la vita familiare dei detenuti palestinesi nelle carceri israeliane. Un argomento delicato viziato da uno scenario audace: la storia di una principessa, una palestinese di 17 anni nata dall’inseminazione dello sperma del padre, e imprigionata da Israele; Un modo per aggirare gli ostacoli che decine di donne palestinesi hanno usato per anni. Tuttavia, da adulta, la giovane scopre che lo sperma utilizzato per la sua gravidanza non proveniva in realtà dal padre palestinese, ma piuttosto da un prigioniero israeliano, personificazione dell’occupazione dello stato ebraico.

READ  Dopo la vittoria della Nazionale sull'Euro, il quartiere Petite-Italie, a Montreal, agli Angels

Un grido di rabbia tra i parenti dei detenuti

La polemica su questo film ha continuato ad aumentare nelle ultime settimane sui social media con dure opinioni palestinesi. “Questo film è disgustoso.”, osso “Non è un film come principessa Questo ci fa dubitare della paternità dei nostri figli.La palestinese Lydia Rimawi ha scritto su Facebook di aver testimoniato di aver avuto tre figli con lo sperma del marito prigioniero. Un’operazione è stata condotta con l’aiuto dei compagni di detenzione del marito, i quali, al loro rilascio, hanno potuto portare piccole fiale di sperma, che sono passate sul naso e sulla barba dei soldati di occupazione appostati ai posti di blocco.

Reem Jihad, un altro utente di Twitter, ha scritto su Twitterprincipessa Lui è solo uno Uno scenario immorale israeliano.. “Questo film insulta i prigionieri palestinesi senza mai parlare della sofferenza di centinaia di famiglie di prigionieri”. “Ci siamo assicurati di guardare il film da zero e, dopo diverse sessioni per osservare i dettagli, lo rifiutiamo totalmente”, Kaddoura Fares, capo del Club dei prigionieri palestinesi, che porta la voce di oltre 4.500 palestinesi detenuti da Israele, ha affermato. “Sarebbe stato meglio per la squadra dimenticare questo film una volta per tutte”. Ha finito. Per Hamas, il movimento islamista palestinese che governa Gaza e le cui centinaia di membri sono detenuti nelle carceri dello stato ebraico, questo film non è altro che un film. “Servizio al nemico sionista”.

Princess è stato presentato in anteprima mondiale il 3 settembre alla Mostra del Cinema di Venezia. film sulla piramide

Di fronte alla protesta della critica sotto la parola chiave “principessa della pensione”, Mohamed Diab ha ripetutamente affermato di aver presentato “Un lavoro pulito che non insulta in alcun modo i prigionieri o la causa palestinese”, chiamato per “Un comitato di spettatori composto da detenuti e parenti per guardare e discutere” il film. Un punto di vista condiviso dalla Royal Jordanian Film Commission che difende un lungometraggio “Il valore artistico e il messaggio non danneggiano la causa palestinese o la causa dei prigionieri. I quali, al contrario, evidenziano la loro situazione, la loro resilienza e la loro volontà di vivere una vita dignitosa nonostante l’occupazione”.. Una situazione che non ha dissuaso il comitato dal ritirare il proprio sostegno al film degli Oscar 2022, “A causa delle recenti polemiche”, E “Per rispetto dei sentimenti dei detenuti e delle loro famiglie.

Israele, argomento tabù nel cinema arabo

La questione di Israele è regolarmente controversa in mezzo alla cultura araba. Ufficialmente, la maggior parte dei paesi arabi non riconosce lo stato ebraico, e quindi ai suoi artisti è vietato andarci. Nel 2017, un tribunale militare in Libano ha ascoltato il regista franco-libanese Ziad Doueiri per girare una parte del suo film. attacco in Israele. Gli hanno chiesto giornalisti e attivisti “scuse”, accusandolo di godersi il suo lungometraggio “uniforme” Rapporti con lo Stato ebraico, ufficialmente ancora in guerra con il Libano. In Algeria, lo scrittore Boualem Sensal è stato pesantemente criticato per essersi recato in Israele per ricevere un premio letterario.

READ  L'Orfeo di Luigi Rossi, primo film italiano completo

Nel 2020, quattro nuovi stati arabi hanno riconosciuto Israele – Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Marocco e Sudan – e si sono uniti alla Giordania e all’Egitto, il paese di Mohamed Diab, che per primo ha firmato la pace con lo stato ebraico nel 1979. principessa Finanziato da Egitto, Giordania, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita. Le sue attrici principali sono giordane, inclusa Saba Mubarak, ma altri ruoli sono occupati da arabi israeliani. Oltre alle misure prese in Giordania, l’Arabia Saudita, che dalla scorsa settimana tiene il suo primo grande festival cinematografico a Jeddah, ha semplicemente annullato la proiezione del film.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *