Didier Deschamps ritrova l’italiano “il suo paese” a Torino con la nazionale francese

Il tecnico degli azzurri mantiene legami molto forti con il club transalpino per quanto riguarda la sfida del Belgio.

Ritorno a casa di Didier Deschamps. Scendendo mercoledì pomeriggio con la nazionale francese sotto il sole e l’equinozio a Torino, teatro dell’anticipato shock contro il Belgio (20:45, TF1) questo giovedì nelle semifinali della Lega delle Nazioni, presagio del ‘DD’ i migliori anni del giocatore. Con avidità e gioia. E questo non rinfrescherà nessuno visto che i flashback risalgono al secolo scorso, più precisamente dal 1994 al 1999, cinque anni per sempre in ricordo dell'”italiano Didier” e dei tanti tifosi del Torino che hanno tenuto l’ex centrocampista. Ha trascorso come giocatore e allenatore (2006-2007). “È arrivato come un semisconosciuto per andarsene da qui come una leggenda., Massimo Franchi Factory, giornalista at Tuttosport, Sport quotidiani in Piemonte. I torinesi amano l’immagine che ha lasciato, quell’ambiente affidabile e mai arrendevole, un grande leader e un leader di uomini. È un vincitore

Questo articolo è solo per gli abbonati. Hai ancora l’80% da scoprire.

Sviluppare la tua libertà significa sviluppare la tua curiosità.

Continua a leggere il tuo articolo per 1€ nel primo mese

Già iscritto? accesso

READ  C3: Cavani e Fernandez Shahid Roma e Manchester United con un piede in finale

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *