Da ‘Gomora’ alle Brigate Rosse: intervista a Stefano Bessis, lo sceneggiatore che ha detto all’Italia che nessuno voleva vedere

Questo è ancora oggetto di un’enorme emozione collettiva. Non credo ci sia un’altra storia come questa al mondo in cui un politico così importante venga rapito, interrogato per 55 giorni e poi assassinato. Non trovato. Questo caso ha cambiato la storia d’Italia, ma abbiamo agito come se nulla fosse. Come una tragedia tra le altre cose.

Come ti sei interessato a questa condizione?

Prima di diventare sceneggiatore, ero un giornalista, quindi sono sempre stato interessato a questa storia. Quando avevo 25 anni, sul caso Moreau hanno cominciato ad apparire dei libri, e li ho sempre seguiti da vicino. Quando Marco Bellocchio mi ha suggerito di lavorare insieme su questo argomento, ho iniziato a rileggere tutto. In tutti questi anni c’è stato questo lavoro di commissioni parlamentari e la verità si sta gradualmente facendo strada. Non ho mai letto le lettere di Moreau, perché scriveva molte lettere ogni giorno. La maggior parte dei suoi messaggi è stata trovata in seguito e non tutti sono stati inviati ai destinatari.

Personalmente, cosa ricorda di questo evento?

Ero giovane, ma ho ricordi molto vividi di questo. All’epoca avevo 14 anni ed ero a Roma, non in classe, e credo di essere in un caffè o in un bar quando ho avuto la notizia. Torno in classe, sono contento – perché eravamo tutti di sinistra – e dico: “Hanno preso Aldo Moro! Il maestro si è schiarito, ma i miei compagni non avevano paura. Eravamo adolescenti, l’influenza ideologica era così forte a il tempo. Per noi Aldo Moro era proprio come le Brigate”. Era il nemico. Il suo partito aveva nostalgia di casa. Non eravamo con la guerra, ma sentivamo che qualcosa doveva cambiare, quindi ero felice in quel momento , ma poi ci ho pensato. A dire il vero, avremmo voluto che le Brigate Rosse, dopo aver interrogato Aldo Moro, ci rivelassero segreti di stato affinché questa patologia cadesse. Ma dal carcere di Aldo Moro non veniva proprio niente. Quando era ucciso, è stato orribile, dopo Aldo Moro tutto è cambiato, dopo di lui è finita.

READ  Maxence Dinant (Floreffe): Da Raf Simons a Vincent Cassel, tra design e cinema

Questo è da dire? Da lì, hai depoliticizzato?

Poi sono arrivati ​​gli anni ’80 e il mondo sta cambiando. È pomeriggio Yubi ovunque, da ReaganDa Thatcher…volevamo vestirci bene, un’altra cultura che si affermava. In Italia si chiamava ha riso, Rimbalzo. Non c’è più alcuna ideologia o impegno. Io, sono stato di sinistra per tutta la vita, ma non ero immune.

Perché sei diventato uno sceneggiatore?

Sono stato davvero un pessimo giornalista, perché ho sempre cercato di esprimere il mio giudizio sulle cose. Non era molto corretto, ma mi sentivo un po’ limitato. E si dà il caso che un mio amico stesse facendo un burlesque per Ray. Ha detto: “Perché non ci provi? Ho provato a scrivere 50 episodi di questa sitcom. Il direttore di un canale pubblico mi ha detto: ‘È fantastico, fantastico!’ Ho lasciato il giornale e ho iniziato. Il risultato: la sitcom è stata uno dei più grandi fallimenti nella storia della televisione pubblica.Ho perso il lavoro ed è stato il mio primo passo in questo mondo è il fallimento totale.Il mio agente mi ha detto: “Avremo problemi. Poi sono stato fortunato e ho messo su un poliziotto.

La narrativa italiana non ha prestato molta attenzione alla sua storia politica. Come lo spieghi?

Non ho spiegazioni. Comunque un ottimo materiale per la narrazione. La politica italiana è una follia completa. È una corruzione pazzesca, sono totalmente inefficaci, è tutto barocco, niente è giusto. casa di cartaÈ un gioco per bambini in confronto. Tuttavia, non siamo mai stati in grado di elencarlo tutto. Forse perché la realtà è più forte della finzione. È davvero difficile distinguere tra realtà e finzione. Poi ci sono altri motivi. Silvio Berlusconi Possiede ancora tre canali privati ​​e ha ancora un’influenza nella televisione pubblica…

READ  Questi 3 box pasto ti porteranno in viaggio nella regione Emilia-Romagna d'Italia!

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.