Cosa rimarrà della Svizzera Under 21?

Alla fine, cosa resta? Da poco più di due anni e in particolare da 10 giorni, la squadra svizzera Under 21 ha raccontato la propria storia, concludendosi mercoledì con la fase a eliminazione diretta dell’EUR.

Spetta ai giocatori continuare la loro avventura.

La storia era un gruppo con uno stato d’animo impeccabile, composto da giocatori di talento ma che sembrano desiderare l’esistenza solo attraverso l’espressione collettiva. La vittoria sull’Inghilterra, dall’inizio in questo Euro, ha diffuso questa storia. Le sconfitte contro la Croazia, poi il Portogallo, hanno rivelato in pieno giorno che i confini dei giocatori non sono stati necessariamente infranti in una serie di partite con tale intensità.

Devi servire. Per questa squadra è per una successione (nove elementi che hanno preso parte all’euro sono eleggibili per la prossima stagione), ma anche e soprattutto per i giocatori che devono plasmare il futuro del calcio svizzero. “L’esperienza qui è fantastica perché è qualcosa che i giocatori non possono vivere nei loro club”, ha detto giustamente Mauro Lustrenelli dopo l’eliminazione. È un’esperienza che può rivelarsi importante nel loro viaggio.

Nel 2002, la nazionale svizzera Bernard Challandes (Frey, Magnin, Cabanas, Grichting) ha raggiunto le semifinali del Campionato Europeo. Nel 2011, la squadra di Pierluigi Tami (Shaqiri, Shaka, Sumer, Mohamed) ha fallito in finale. Lustrenelli non l’avrebbe fatto bene, ma non si può negare che questa generazione sarà quella che dovrà sopportare le sorti della squadra A svizzera nel prossimo decennio.

Chi è per la squadra A?

Ma la storia ha anche insegnato che la selezione M21 non può mai essere completamente trasformata in A. Per Alexander Frei, c’è anche Elvir Melunovic o Roman Friedli. E ad accompagnare Xherdan Shaqiri, c’era Xavier Hochstrasser o Innocent Emeghara. Bravi giocatori, erano presenti in Premier League, alcuni hanno addirittura preso di testa in A. Ma non avevano spalle per sopravvivere e hanno portato la nazionale svizzera a un livello superiore a quello attuale.

READ  La Flèche brabançonne, trasferendosi nelle Ardenne, senza Alaphilippe

C’è un mondo tra U21 e A ed è spesso difficile da riempire. Che ne sarà del gruppo di amici di Mauro Lusternelli tra dieci anni? Chi saranno coloro con cui Vladimir Petkovich o molto probabilmente i suoi futuri successori potranno essere considerati?

Questo euro non dice tutto. I livelli degli altri erano variabili. Ma la loro capacità di rispondere, a volte, a requisiti di livello molto elevato e il punteggio nell’intensità di questo rende possibile identificare i nomi. Non c’è dubbio che Jordan Lotumba, uno dei rari (con Som) di questa selezione che abbia già indossato la maglia “adulto”, detentore di un campionato straniero con il Nizza sia il serio contendente all’EUR del prossimo giugno. Forse è l’unico. In questo momento.

Andy Zachary, che ha messo così tante (troppe?) Energie nel torneo di marzo senza poter segnare, sta ancora imparando a Brighton. Sarà una questione di vincere tempo di gioco nei prossimi mesi per diventare un candidato affidabile per la selezione. Ha molte speranze, soprattutto nell’incarnare il futuro dell’attacco svizzero, che ha bisogno di sollievo. Alexander Jankowitz, che ha solo 19 anni, è una delle belle sorprese in questa competizione. Tutti hanno notato Genevan da Southampton contro l’Inghilterra e le dimensioni del gioco indicano un futuro d’oro. In Premier League o altrove, dovrà anche ottenere minuti regolari per confermare nel tempo.

Limiti della Premier League

Anche Kevin Rogge e Simon Som sono sul radar di Petkovich. Ma scoprire il campionato italiano, all’Hellas Verona per la prima volta e al Parma per la seconda volta, non è facile. Come Dan Nadwi (Nice) o Bastian Touma (Genk), il cui tempo di gioco è molto irregolare. Un promemoria che la brillantezza in Premier League non è sufficiente per essere un giocatore rotto di altissimo livello. Ci vuole tempo, per non dire altro. Quindi Cedric Zeesiger, Jean Bammert, Jasper van der Werf, Tony Domjoni, Castriot Emery e Jeremy Guilleminot, tra gli altri, dovranno essere pazienti e fare ulteriori progressi se intendono avere un futuro internazionale.

READ  Now is the time to hold on

I giovani Leonidas Stergio, Felix Mambebe, Fabian Reeder hanno vent’anni o meno, ma i loro profili stanno davvero scuotendo l’Europa. Hanno l’opportunità di partire per un tour con gli U21. Ma il suo accresciuto sviluppo negli ultimi mesi potrebbe accelerare la loro partenza dall’esterno (soprattutto per Stergiou) e il salto verso A.

Infine c’è la questione delle sentinelle. La posizione è caricata in Svizzera dietro il trio trincerato Sommer-Omlin-Mvogo. Gregor Koppel, un mascherato a Stoccarda a soli 23 anni, ha tutto da incorporare nel brevissimo termine. Basti pensare che per Anthony Ratcube, titolare della lanterna rossa della Ligue 1 Anthony Ratcope, la questione del rinvio della maglia della Nazionale sarebbe molto efficace. Perché per tanti giocatori di questo girone, la storia della maglia svizzera si è conclusa mercoledì a Lubiana. Il calcio internazionale è selettivo.

/ ATS

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *