Continuano con difficoltà le evacuazioni all’aeroporto di Kabul

(Kabul) – Prosegue in condizioni difficili l’evacuazione di diplomatici, stranieri e altri afgani a Kabul, che è nelle mani dei talebani.


Un gigantesco ponte aereo da domenica ha accumulato una serie di aerei da tutto il mondo, in un aeroporto nelle cui vicinanze è strettamente controllato dai talebani.

Berlino invia 600 soldati a Kabul

La Germania ha già rilasciato 500 persone, tra cui 202 afgani, e ha anche accettato di inviare 600 soldati a Kabul, per sostenere l’evacuazione di “più persone possibile”, al massimo fino al 30 settembre.

Un nuovo viaggio afghano in Francia

Continua il trasporto aereo francese attraverso gli Emirati, con oltre 200 persone in arrivo a Parigi giovedì, la stragrande maggioranza delle quali afghane. I primi afghani portati in salvo dalla Francia sono arrivati ​​a Parigi mercoledì sera.

Foto GIUSEPPE CACACE, AFP

Persone che scendono da un aereo all’aeroporto internazionale Al Maktoum, Emirati Arabi Uniti

“Stiamo identificando una serie di bisogni molto urgenti; forse stiamo parlando di qualche migliaio di persone che saranno contrabbandate”, ha detto giovedì il ministro di Stato francese per gli affari europei Clément Bauen.

Ha detto che la Francia sarebbe “al momento di offrire asilo” agli afgani minacciati, riferendosi alla “possibilità” di tenere un vertice europeo straordinario.

Washington e Londra hanno evacuato migliaia di persone

Gli Stati Uniti, che prevedono di evacuare più di 30.000 americani e civili afgani attraverso le sue basi in Kuwait e Qatar, hanno già spostato più di 7.000 persone dall’inizio delle evacuazioni il 14 agosto.

In totale, dalla fine di luglio sono state evacuate quasi 12.000 persone. Includono cittadini statunitensi, membri dell’ambasciata degli Stati Uniti e afgani che hanno lavorato negli Stati Uniti, in particolare come interpreti per l’esercito americano, che hanno richiesto un visto speciale per gli immigrati (SIV) per paura di rappresaglie talebane.

READ  Simao Costa è tornato in azione

Ma il Dipartimento di Stato Usa afferma che i talebani stanno rompendo la loro promessa e “impedendo agli afgani che desiderano lasciare il Paese di raggiungere l’aeroporto”. Gli Stati Uniti hanno inviato 6.000 militari per mettere in sicurezza l’aeroporto di Kabul.

Il Regno Unito, da parte sua, ha evacuato 306 britannici e 2.052 afgani.

I ministri degli esteri del Gruppo dei Sette (Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e Regno Unito) hanno invitato i talebani a garantire la “sicurezza” degli stranieri e degli afgani che desiderano lasciare l’Afghanistan.

Ponti aerei verso altri paesi

La Spagna ha iniziato una prima serie di esercitazioni con tre aerei militari via Dubai. Il primo aereo con a bordo 50 afgani e alcuni spagnoli è arrivato giovedì mattina. Un quarto aereo per riportare gli spagnoli e gli afgani è partito giovedì da Kabul, Saragozza, nel nord-est della Spagna, diretto a Dubai.

La Turchia, che lunedì ha già ricevuto 324 dei suoi cittadini, sta organizzando il ritorno di “più di 200” da Kabul mercoledì.

Altre partenze nazionali e/o afgane hanno già avuto luogo dallo scorso fine settimana, in particolare verso Paesi Bassi, Polonia (un secondo aereo è arrivato giovedì), Danimarca, Norvegia, Repubblica Ceca, Ungheria e Bulgaria.

Il primo volo di evacuazione a Kabul, con a bordo 35 cittadini olandesi, Belgio, Gran Bretagna e Germania, è atterrato mercoledì sera a Schiphol all’aeroporto di Amsterdam. Il ministero degli Esteri tedesco ha ringraziato in particolare i Paesi Bassi per aver evacuato 69 dei suoi cittadini.

Un altro aereo con a bordo l’ambasciatore olandese, una squadra consolare di emergenza e 62 soldati è atterrato mercoledì sera a Kabul, per “effettuare il maggior numero di evacuazioni possibili”.

READ  How Mega Millions and Powerball Winners Can Protect Their Windfall Winnings

Quindici rumeni non sono riusciti a raggiungere l’aeroporto di Kabul e l’aereo che avevano inviato ha lasciato il loro paese con un solo cittadino.

La Danimarca ha contrabbandato circa 320 persone da Kabul.

Arrivano a Roma più di 200 afgani

Duecentodue afgani sono atterrati giovedì a Fiumicino, aeroporto di Roma, con l’attivista per i diritti umani Zahra Ahmadi nel gruppo e il personale della Fondazione Veronese (la fondazione un tempo gestiva un centro oncologico a Herat, oggi società).

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *