Come si sviluppa la malattia di Alzheimer nel cervello?

La malattia di Alzheimer si sviluppa lentamente nel corso degli anni. Quando compaiono i primi sintomi, il cervello è già danneggiato. In uno studio recente, gli scienziati acquisiscono una migliore comprensione di come gli accumuli di proteine, responsabili della morte dei neuroni, cambiano nel tempo.

nel cervello della persona colpita Il morbo di AlzheimerAggregati proteici anomali si accumulano e portano alla morte cellule nervose. I neuroni di proteina tau e il placche amiloidi Si riproducono lentamente per diversi anni prima che il danno che causano si traduca sintomi come la demenza o la perditaAutonomia Quotidiano.

Ci sono ancora molte incognite al riguardo Malattia neurodegenerativa che riguardano circa 900.000 persone in Francia. La prevalenza di aggregati proteici in tutte le regioni del cervello è uno di questi. Un team internazionale di ricercatori guidati dall’Università di Cambridge ha studiato i vari processi che portano alla nascita di Il morbo di Alzheimer.

La loro conclusione contraddice ciò che la comunità scientifica ha immaginato: ” L’idea era che il morbo di Alzheimer si sviluppa in modo simile a molti Granchi Gli aggregati si formano in un’area e poi si diffondono al cervello Felice Dr. George Maisel del Dipartimento chimica De Cambridge, primo autore dell’articolo. ” Mais au lieu de cela, nous avons découvert que, lorsque la maladie d’Alzheimer begin, il ya déjà des agrégats dans plusieurs régions du cerveau, et donc saggio d’arrêter grand la propagation businessman ne choirse les disease. »

I semi sono piantati nel cervello

George Maisel e colleghi hanno raccolto molti set di dati e prodotto un modello matematico per visualizzare i fattori che influenzano lo sviluppo della malattia di Alzheimer. I pool proteici possono diventare più grandi incorporando nuove proteine ​​e aumentare il loro numero mediante moltiplicazione. Questi due processi lavorano insieme e consentono di ripetere i totali: devono prima diventare abbastanza grandi prima di poter essere ripetuti. I ricercatori hanno osservato che gli aggregati proteici assomigliano a semi sparsi in diverse regioni del cervello prima della comparsa di Sintomi della malattia di Alzheimer.

Pertanto, limitare la loro diffusione nel cervello avrà scarso effetto sul decorso della malattia e, d’altra parte, limitare la loro riproduzione potrebbe essere utile. Gli stadi più avanzati della malattia (stadio III e oltre BRAC) sono caratterizzati dalla proliferazione locale di cluster di proteine ​​tau in un’area specifica del cervello. Questa osservazione è stata fatta su parti di cervello umano prelevate da 29 pazienti deceduti.

Lenta diffusione della malattia di Alzheimer

Tuttavia, è un processo molto lento. I ricercatori hanno stimato che occorrono circa 5 anni per replicare i neurofilamenti di tau. Questo è più lento di quanto osservato nei topi, un modello animale ampiamente utilizzato per studiare il morbo di Alzheimer. “ Il cellule nervose Sorprendentemente bravo a fermare la formazione di aggregati, ma dobbiamo trovare modi per renderlo ancora migliore se vogliamo sviluppare una cura Dice Sir David Kleinman dell’Università di Cambridge. Perché una migliore comprensione della diffusione del morbo di Alzheimer è anche speranza per il meglio il suo fattore.

Scopri Fil de Science! Ogni venerdì, a partire dalle 18:30, scopri il riassunto delle notizie scientifiche della settimana, decodificate per te dai giornalisti di Futura.

Ti interessa quello che hai appena letto?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *