Come canta Thomas Pesquet dallo spazio? – Pubblicazione

Selfie in Space, una serie diChitarra pneumatica Senza peso o semplicemente la vista sotto i suoi piedi: durante il suo primo soggiorno in orbita presso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) quattro anni fa, l’astronauta francese Thomas Pesquet fece scalpore con i suoi messaggi quasi quotidiani dalle stelle su Twitter. Da allora non ha deluso il suo milione di abbonati Ritorno alla Stazione Spaziale Internazionale sabato, Con quasi venti tweet in francese e inglese.

Thomas Pescet twitta tra le due missioni dalla cupola di osservazione della stazione spaziale, armato di uno smartphone per catturare la vista? non esattamente. Ma è ancora un’iniziativa della maggior parte dei suoi tweet, inviati dal suo team di contatto a terra. Di tanto in tanto, può inviarlo da solo tramite accesso Internet personale.

Risparmia tempo prezioso

La maggior parte dei messaggi “Passa attraverso il sistema di scambio di email”, Spiega a ESA Communications Team Dai un’occhiata Che mostra i dettagli del processo: “Ci invia testi e immagini e noi li formattiamo, li traduciamo se necessario, li riportiamo per la convalida e poi ci occupiamo di metterli online sulle sue reti, da terra”. Se il team di comunicazione può andare oltre “Fare proposte” Nulla viene inviato all’astronauta senza il suo consenso.

L’obiettivo principale di questo processo, che viene svolto in gran parte dal suolo, è soprattutto “Sostieni e risparmia il tempo prezioso degli astronauti”, Seleziona per CheckNews Diverse squadre erano già incaricate di contattare un residente della Stazione Spaziale Internazionale. Aspettare il caricamento su Twitter da solo, controllare gli incantesimi o persino programmare i tweet al momento giusto sono tutte attività che richiedono tempo che non hanno posto nella pianificazione esatta di un astronauta in orbita. Ma se non Thomas Pesquet “Chiunque prema il pulsante”, Il “Partecipa in particolare ai suoi tweet e lo fa trascorrendo il suo tempo libero la sera”, Indichiamo l’Agenzia spaziale europea.

READ  Per i PC con Windows 7 e Windows 11, è necessaria l'installazione da zero!

Thomas Pescet può, tuttavia, “Se vuole e se ha tempo”, Invia messaggi ai suoi social network direttamente dalla Stazione Spaziale Internazionale tramite la sua connessione Internet personale.

Connettività che “continua a migliorare”

I residenti in orbita bassa hanno già avuto una connessione personale al Web dal 2010 grazie alla NASA, Tramite il sistema che ho chiamato Ad esempio “Accesso remoto a Internet tramite un computer sulla Terra.” Oggi la comunicazione passa prima attraverso una rete di satelliti in orbita alta, a più di 30.000 km sopra la Stazione Spaziale Internazionale (rete TDRS), che poi invia informazioni alle stazioni di terra (nel White Sand Desert, negli Stati Uniti). Informazioni tramite Houston e poi l’Agenzia spaziale europea nel caso di Thomas Pesquet. Il volo è complicato dal fatto che la stazione spaziale orbita a una velocità di 28.000 km / h attorno alla Terra e non è in fase costante con i satelliti.

Questo accesso personale è ulteriormente limitato da altri dati che scorrono sulla larghezza di banda della ISS. In particolare le comunicazioni professionali, che includono scambi tra colleghi a terra, videoconferenze e, a margine, le e-mail precedentemente citate con il suo team di comunicazione.

Ma da allora Il primo tweet inviato dallo spazio Nel gennaio 2010, la connessione a Internet era “In costante miglioramento” L’ESA conferma. Nel 2015, in una lettera inviata dalla stazione, l’astronauta americano Scott Kelly ha scherzato sul suo arrivo personale descritto come “Peggio di una connessione telefonica a bassa velocità.” Di più Dal primo in orbita di Thomas Pesquet nel 2016-2017, la larghezza di banda si è ampliata In modo significativo, Fornisce Direttore ISS presso ESA. Nel 2019, la NASA in particolare ha annunciato di aver raddoppiato la velocità di ritorno delle informazioni sulla Terra.

READ  WhatsApp forces users to share personal data with Facebook

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *