Colombia | Un ex leader delle FARC ha ammesso la responsabilità di oltre 20.000 rapimenti

(Bogotà) “Timoshenko”, l’ex leader della defunta guerriglia marxista delle FARC in Colombia, martedì ha ammesso la responsabilità di oltre 20.000 rapimenti commessi dal suo gruppo durante il conflitto armato.

Inserito ieri alle 17:46.

Seduto di fronte a diversi ex ostaggi e alle loro famiglie nell’auditorium di Bogotá, Rodrigo Londono, meglio conosciuto come “Temoshenko”, si è assunto la responsabilità di questi rapimenti, insieme ad altri sei ex dirigenti senior delle FARC.

Tutti sono attualmente incaricati dall’Autorità giudiziaria speciale per la pace (JEP), nata dall’accordo di pace che ha posto fine al conflitto con i militanti nel 2016.

A nome dei 13.000 combattenti che hanno firmato questo accordo, l’ex leader ribelle ha ammesso “la responsabilità individuale e collettiva per uno dei crimini più efferati commessi” dall’organizzazione marxista.

L’uomo che era il leader delle Farc al momento del loro disarmo ha dichiarato che erano “il risultato di una politica che ha portato a crimini contro l’umanità e crimini di guerra”.

Gli ex leader della guerriglia Pablo Catatumbo, Julian Gallo, il reverendo Alabi, Milton Tuncel, Rodrigo Granda e Jaime Alberto Parra partecipano all’audizione pubblica, che si terrà fino a giovedì.

Questi uomini sono accusati di oltre 21.000 casi di rapimento e altri crimini commessi tra il 1990 e il 2016.

I politici ei soldati che sono stati vittime di questi rapimenti, e che hanno agito come merce di scambio contro i combattenti delle FARC incarcerati, hanno ascoltato le confessioni dei loro ex torturatori, che hanno ritenuto insufficienti.

Oscar Tullio Lescano, rapito nel 2000 quando era deputato conservatore, ha chiesto ai suoi “carcerieri” di fare luce sulla sorte degli ostaggi scomparsi.

READ  Lobby di Venezia | La NRA è stata arrestata dalla giustizia di New York

Devono dirci la verità. Perdoniamo, ma ciò non significa che non ci sia giustizia, vogliamo la verità”, ha chiesto l’ex parlamentare di 75 anni, scappato dai suoi rapitori nel 2008.

Il giudice Julita Lemaitre, che ha presieduto l’udienza odierna, ha commentato: “Questi crimini erano il prodotto di una politica adottata dalla segreteria (amministrazione) delle FARC” e sono stati “commessi direttamente dai loro subordinati”.

Secondo l’accordo di pace, gli ex guerriglieri devono risarcire le loro vittime e dire la verità per evitare la reclusione.

Ci vorranno almeno tre mesi prima che il tribunale giudichi l’imputato. Se le loro confessioni sono ritenute inadeguate, potrebbero essere condannati fino a 20 anni di carcere.

A maggio, circa 20 ufficiali dell’esercito in pensione, tra cui un generale, hanno ammesso il loro coinvolgimento nell’uccisione di più di 100 civili, per lo più semplici contadini che erano poi considerati combattenti uccisi nei combattimenti.

Il JEP stima che ci siano state almeno 6.400 vittime della pratica, note come “falsi positivi”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.