Chiesa incantata, Chelsea sventato

Prestazione di Chiesa, tiro tattico di Allegri, ma anche Chelsea senza soluzione: trova i nostri picchi e fallimenti dopo Juventus e Chelsea (1-0).

top

Il talento di De Chiesa
In assenza di Paulo Dybala e Alvaro Morata, il capitano offensivo della Juventus si chiama Federico Chiesa. Dopo la rivelazione del torneo Euro 2020, il nazionale italiano ha assunto la sua statura completamente nuova, quella di un giocatore chiave. L’esterno del Torino ha causato molta sofferenza al portiere del Chelsea. Così vicino all’apertura delle marcature con un cross ad angolo chiuso all’inizio della partita (20), ha raddoppiato la sua penetrazione e ha permesso ai suoi compagni di liberare la palla. La sua velocità e correttezza con la palla hanno illuminato un incontro relativamente noioso. Non ha risparmiato sforzi e logicamente ha premiato dopo la pausa. Il muro bianconero ha aperto le marcature con un superbo tiro nel primo intento, e si è piazzato sotto la traversa di Mendy (46° posto). L’obiettivo del salvataggio ha cambiato tutto. Chiesa è uscito al 76′ per applaudire dallo stadio della Juventus.

Lezione tattica di Allegri
La battaglia tattica tra Massimiliano Allegri e Thomas Tuchel sembrava promettente e non ha deluso. In questo lontano duello tra due famosi allenatori, l’italiano ha vinto. Se lo spettacolo sul manto erboso dello stadio Torino non è da togliere il fiato, l’ex tattico del Milan non gli è estraneo. Disadorno ma potente e diabolicamente efficace, la sua squadra è stata all’altezza della reputazione e dei principi di gioco dell’allenatore: una difesa coesa e compatta, che lascia poco spazio agli attaccanti londinesi. Uno spettacolo speciale nel primo periodo che ricorda il famoso “Catenaccio” al culmine del campionato italiano. Ma i bianconeri non si sono fermati solo a difendere. Nei loro pochi attacchi, sono stati feriti. Come il gol della riscossa di Chiesa che ha freddato il Chelsea (46) e ha cambiato la partita. Il 54enne ha completamente sventato i Blues, conquistando il titolo di Campione Europeo.

READ  I bonus di Jay Theis e la semifinale non vissuti nelle Fiandre ...

flop

Gli azzurri sono irriconoscibili
Impressionanti dall’inizio della stagione, i campioni d’Europa sono stati una grande delusione mercoledì sera. La recente sconfitta contro il Manchester City sabato scorso ha lasciato senza dubbio il segno. Rimasto orfano di alcuni dei suoi soliti proprietari come N’Golo Kanté, Mason Mount o Reece James, Thomas Tuchel non è riuscito a trovare soluzioni per sopperire alla loro assenza. La squadra del cuore ha annunciato questo shock contro la Juventus e la squadra di Londra era completamente frustrata. Infastidito dallo shock difensivo di Allegri, Tuchel non ha mai trovato una soluzione. È chiaro che l’allenatore tedesco ha perso la battaglia tattica con il suo omologo italiano. Il Chelsea totalmente stereotipato ha fatto una discrepanza e non è riuscito a sfondare il muro bianconero. Avere la palla va bene, ma usarla correttamente è meglio. Qualcosa che i blues hanno avuto tutti i problemi del mondo per ottenere. Una volta in testa al punteggio (46), e esposto ai contropiedi dei bianconeri, l’aggiunta poteva essere più salata per il Chelsea, per nulla serio.

Ziyech non può più farlo
Le galee continuano a seguire Hakim Ziyech. Dal suo infortunio all’inizio della stagione, il nazionale marocchino è assolutamente irriconoscibile, è stato così brillante all’Ajax. È stato escluso dalla selezione nazionale a causa di problemi comportamentali e il più delle volte seduto sulla panchina del Chelsea, fa fatica a trovare il suo calcio. Questo mercoledì non era presente. Il suo gioco lungo, sebbene considerato uno dei suoi punti di forza, era impreciso, così come i suoi calci di punizione che non hanno colpito nel segno. È stato soffocato in mezzo alla Juve, in particolare Rabiot, e si è rotto i denti nella difesa del Torino, come i suoi compagni. Come Romelu Lukaku, il marocchino era atteso e deluso. Il confronto con i bianconeri offensivi non lo soddisfa. In sua difesa, è stato trascinato in giro per il campo. Sostituito al 62° minuto, ci si potrebbe chiedere se Thomas Tuchel sa come usarlo o Ziyech è davvero “compatibile con Tuchel”?

READ  L1: Paris SG a Brest con i titolari Navas e Verratti

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *