Caso Amanda Knox: l’Italia condannata dalla Corte Europea dei Diritti Umani

Dodici anni dopo l’incidente, questo potrebbe essere il capitolo finale del caso Amanda Knox. L’Italia è stata condannata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) per aver violato i diritti di questo giovane americano accusato di omicidio. L’Italia dovrà pagare 18.400 euro alla giovane, assolta nel 2015 dopo un lungo processo giudiziario.

Nella notte tra l’1 e il 2 novembre 2007, il corpo di Meredith Kercher, una studentessa britannica di 21 anni, è stato ritrovato nel suo appartamento a Perugia, una popolare città universitaria del centro Italia, dove stava studiando. La giovane è stata violentata e accoltellata 47 volte.

Meredith Kercher è stata trovata morta nel 2007 nel suo appartamento a Perugia. STR / AFPS Stephen Brashear / Getty Images / AFP

Cinque giorni dopo, la polizia ha arrestato la sua coinquilina, Amanda Knox, 20 anni. Questi sono allora i termini di questo interrogatorio del 6 novembre 2007, studiato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo e sequestrato dall’ex studente americano.

Durante questa prima intervista, “Amanda Knox è stata accusata di aver ucciso la sua coinquilina” mentre “quest’ultima è stata poi assolta, e Amanda Knox è stata condannata a tre anni di carcere per diffamazione”, afferma la Corte europea dei diritti dell’uomo. Secondo la giovane, le “violenze” e le “minacce” a cui è stata sottoposta dalla polizia durante il suo interrogatorio l’hanno spinta ad accusare ingiustamente questo eroe del caso.

Nessun avvocato e traduttore discutibile

La corte rileva l’incapacità delle autorità italiane di indagare sul “trattamento umiliante” di cui Amanda Knox ha affermato di essere stata vittima durante l’udienza, così come la mancanza di un avvocato.

READ  Retrospettiva 2021. Concentrazione, disinvestimento ed espansione in Europa - L'argus PRO

Viene messo in discussione anche il ruolo di un dipendente della Questura di Perugia. Questa donna, che ha lavorato come traduttrice inglese, “si è nominata mediatrice” e ha adottato un “atteggiamento materno nei confronti di Amanda Knox poiché quest’ultima crea la propria versione dei fatti”. Secondo i giudici europei, questa posizione “ha danneggiato l’integrità del procedimento nel suo insieme”.

Il 5 novembre 2007, il giorno prima dell'interrogatorio esaminato dalla Corte europea dei diritti dell'uomo, Amanda Knox è stata fotografata davanti alla sua abitazione a Perugia.  STR/AFP
Il 5 novembre 2007, il giorno prima dell’interrogatorio esaminato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, Amanda Knox è stata fotografata davanti alla sua abitazione a Perugia. STR / AFPS Stephen Brashear / Getty Images / AFP

“Non avrei mai dovuto essere accusato, tanto meno condannato per diffamazione”, ha reagito il suo blog Amanda Knox, che è diventata giornalista nel suo paese. La donna, soprannominata dai media “il satanismo di Perugia”, si è detta “grata” alla Corte europea dei diritti dell’uomo, che “ha capito la verità delle false confessioni”.

Il 6 novembre la polizia ha arrestato Amanda Knox, il suo fidanzato italiano, Raffaele Solicito, e Dia Lumumba, la proprietaria congolese della caffetteria dove lavorava. Al termine dell’interrogatorio, Amanda Knox ha accusato dell’omicidio Dia Lumumba. Ma presto fu completamente escluso.

Otto anni di procedimenti e quattro anni di reclusione

Durante il primo processo nel 2009, l’americana e il suo amante, che si dichiaravano innocenti, furono condannati a 26 e 25 anni di carcere per questo omicidio. Dopo diversi sviluppi legali, è stato finalmente Ivorian Rudi Guede, il cui DNA è stato trovato sul corpo della vittima, che è stato condannato a 16 anni di carcere nel 2010 per omicidio in una riunione. Ma la giustizia italiana non ha trovato complici.

READ  Ron. Contenzioso nel settore tessile ad Amblewis: sequestro peritale

Nel 2015 Amanda Knox e Rafael Sollecito sono stati finalmente assolti. In tutto la giovane americana, che ora vive a Seattle con il fidanzato, ha trascorso quasi quattro anni in un carcere italiano e ha subito otto anni di processo.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.