Carlo III bandisce il foie gras dalle sue residenze reali

Niente più foie gras a Buckingham: re Carlo III bandì il piatto dalle tavole delle residenze reali, secondo una lettera del palazzo inviata alla PETA.

Si dice che Charles, che ha sostenuto a lungo la protezione della natura, l’agricoltura biologica e la lotta al cambiamento climatico, sia stato un convinto oppositore del foie gras.

“Grazie per la tua lettera sulle questioni etiche legate al foie gras”, ha scritto il padrone della casa del re all’associazione PETA (People for the Ethical Treatment of Animals), in una lettera, una copia della quale è stata ottenuta venerdì da AFP .

Sir Tony Johnston-Burt ha continuato in questa lettera datata 10 novembre: “Posso confermare che il foie gras non viene acquistato dalla famiglia reale o servito presso le residenze reali e che questa politica non dovrebbe cambiare”.

Buckingham Palace non ha risposto alle richieste dell’AFP.

Elisabetta II, morta l’8 settembre, apprezzava molto il foie gras. Il fegato d’anatra è stato servito a una cena di stato a Parigi nel giugno 2014 con l’ex presidente François Hollande.

Per ringraziare il re, Pita gli manda una scatola di foo gras, servito nel ristorante londinese dello chef vegano Alexis Gauthier. PETA “incoraggia tutti a seguire l’esempio del re e a non mangiare foie gras a Natale e dopo Natale”, ha scritto l’associazione in un comunicato stampa.

Il foie gras, considerato una prelibatezza e spesso consumato a Natale, attualmente può essere importato e venduto nel Regno Unito, ma non viene prodotto nel paese.

READ  Mosca denuncia i commenti "maleducati" di Johnson nei confronti di Putin

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.