Calcio femminile: “Non ho mai avuto un idolo femminile” – Amy Walsh

La 45enne Amy Walsh si concentra sul calcio femminile e, se l’ha fatto, potrebbe essere perché mancava qualcosa quando era giovane.

• Leggi anche: La difesa del calcio femminile

“Non avevo un idolo femminile quando ero giovane, il mio idolo era mio fratello maggiore e volevo essere come lui”.

Avendo praticato quasi tutti gli sport, ha finito per scegliere il calcio solo alla fine della sua adolescenza.

“Ho iniziato nel campionato locale al San Bruno e poi all’Intercity e volevo andare avanti. Sono stato invitato a giocare in AAA al Brossard dove ho giocato con Melissa Barrell, la moglie di Patrice Bernier”.

due major

Proveniente da una famiglia molto atletica, ha giocato in particolare a ringgit e basket, oltre che ad atletica leggera e cross country.

“Al CEGEP, ho giocato a basket e calcio al Champlain College di Saint-Lambert. Ho anche giocato per la squadra del Quebec in estate e poi sono stato invitato nella squadra under 20 in Canada. È allora che mi sono detto che questo era lo sport Sceglierei anche se amassi anche il basket. . »

Reclutata dalla McGill Martlets University, ha poi suonato per l’Università del Nebraska per tre anni prima di intraprendere il resto della sua carriera, soprattutto iniziando a indossare i colori del Canada.

appena prima

Amy Walsh ha avuto l’opportunità di competere ai Mondiali del 1999 e del 2007 e di partecipare ai Giochi di Pechino nel 2008. Questa è stata la sua ultima competizione importante prima di avere i suoi primi tre figli nel 2009. Poi ha vissuto il risveglio della National Women’s Programma che era davvero sulla buona strada per vincere una medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Londra 2012. Quindi ho vissuto la stessa cosa di Patrice Bernier, che ha assistito alla schiusa della nuova generazione senza essere in grado di andare fino in fondo.

READ  "Evenepoel è tornato al 100% e verrà al Giro per vincerlo"

“Non ho rimpianti, abbiamo costruito qualcosa, ma ora mi rendo conto che ho un po’ di amarezza. Volevo tornare con la squadra, ma all’epoca in cui tutti i camp erano in Italia, dovevo pagare una tata. “

Quindi nessun rimpianto, ma forse una piccola delusione.

“Volevo davvero interpretare John Herdman”, ammette con un misto di entusiasmo e ammirazione.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.