Biden e Trump sono nella rete della giustizia per la gestione di documenti riservati

Donald Trump e Joe Biden sono entrambi indagati per la loro gestione degli archivi della Casa Bianca, file tanto sensibili quanto diversi tra loro.

• Leggi anche: Biden è sulla difensiva dopo la scoperta di nuovi documenti riservati

• Leggi anche: Nominare un procuratore speciale per indagare sui documenti riservati di Biden

Punti comuni

Negli Stati Uniti, il Congresso ha dichiarato nel 1978 che tutti i documenti creati o ricevuti dal Presidente e dal Vicepresidente nell’esercizio delle loro funzioni appartengono agli Stati Uniti.

In base a questa legge, alla fine del mandato, tutte le e-mail, le lettere, le foto, i video e i documenti commerciali della Casa Bianca devono essere inviati agli archivi nazionali, che sono responsabili della registrazione della storia delle attività presidenziali.

Inoltre, un’altra legge sullo spionaggio proibisce agli agenti statunitensi di mantenere segreti i documenti in luoghi non autorizzati e non protetti.

Sembra che sia Joe Biden che Donald Trump abbiano violato queste regole, il primo alla fine del suo mandato da vicepresidente nel 2017, e il secondo quando ha lasciato la presidenza nel 2021.

I documenti riservati, che avrebbero dovuto restituire, erano già stati trovati in loro possesso al club Mar-a-Lago del miliardario repubblicano, in un vecchio ufficio e nel garage della casa del presidente democratico a Wilmington.

Guardando i loro fascicoli personali, il procuratore generale Merrick Garland ha affidato le indagini a due procuratori generali: Jack Smith, nominato a novembre per gestire il caso Trump (che comprende anche le indagini sul suo ruolo nell’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio) e Robert Hoare. , selezionato giovedì per l’elemento Biden.

ribelle o collaborativo

I due casi differiscono innanzitutto per l’atteggiamento dei personaggi principali.

READ  Imprenditore volatile, canadese condannato a 13 anni di carcere in Cina

Dopo che Donald Trump ha lasciato la Casa Bianca, gli archivi nazionali hanno dovuto lottare per convincerlo ad accettare di restituire i suoi file. Un anno dopo, hanno ottenuto la restituzione di 15 scatole piene di documenti, tra cui alcuni di grande valore storico, come una lettera del leader nordcoreano Kim Jong Un.

Convinta di non recuperare tutto, nel febbraio 2022 questa agenzia ha chiesto alla Giustizia Federale di indagare. Dopo diverse interviste con membri del suo entourage e una visita sul campo, l’FBI ha stimato che il miliardario potrebbe aver tenuto nascosti altri documenti nella sua lussuosa casa a Mar-a-Lago, in Florida.

Elenchi di mandati, gli agenti dell’FBI hanno condotto lì una sorprendente perquisizione ad agosto e hanno sequestrato una trentina di scatole in più. Un esame ha mostrato che in queste scatole c’erano 18 documenti classificati come “top secret”, 53 “segreti” e 31 “segreti”.

Al contrario, il fascicolo relativo a Joe Biden è schiuso dopo una denuncia presentata dai suoi legali.

Il 2 novembre stavano svuotando gli ex uffici di Joe Biden a Washington, quando si sono imbattuti in documenti riservati – circa una dozzina secondo i media – in un cassetto chiuso a chiave. Li hanno immediatamente trasferiti agli archivi nazionali. Ne hanno subito informato il ministero della Giustizia, che ha aperto un’istruttoria.

Parallelamente, gli avvocati della presidenza hanno perquisito le due residenze private di Joe Biden per verificare se mancassero altri documenti. Il 20 dicembre, hanno notificato al Dipartimento di Giustizia di aver trovato “un piccolo numero di documenti riservati” nel garage della sua casa di Wilmington. L’FBI l’ha catturato.

READ  Indipendenza della Scozia: l'ex primo ministro ringrazia il PSPP per il sostegno

linee di difesa

Donald Trump ha denunciato “la persecuzione politica” e ha negato ogni addebito. In particolare, in ottobre, ha detto: “Avevo alcune scatole a Mar-a-Lago, che erano sotto la protezione dei clienti e del mio team”. “Devono restituirmelo, perché tutto è mio!” »

Al contrario, Joe Biden afferma di “prendere molto sul serio i suoi obblighi in merito ai documenti classificati”, ma afferma di aver agito “inavvertitamente”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *