Alloggi dal pavimento al soffitto per sfollati negli Stati Uniti

(Landover) Dans un petit entrepôt de Landover, en banlieue de Washington, une dizaine de bénévoles s’affairent pour caricatore table, chaise, lit et canapé qui iront meubler un appartement pour des Afghans évacués de Kaboul, espérant bénéficier département negli Stati Uniti dell’America.


Cirillo Giuliano
Agenzia di media Francia

Come quasi ogni giorno, Laura Thompson Ussuri, regista di “Homes Not Borders”, prende il comando.

Elenca a portata di mano, arrampicati sugli scaffali e guarda nelle casse per raccogliere mobili, coperte, utensili da cucina e set di tazze o piatti.

Nel magazzino, che è diventato la grotta di Ali Baba, dove le donazioni si sono riversate così tanto nelle ultime settimane, i volontari si fanno strada tra pile di pacchi per prendere un divano in pelle e caricarlo in un’auto.

L’associazione, fondata nel 2019 nel Maryland, è una delle tante organizzazioni mondiali di assistenza ai rifugiati attive in tutto il paese.

È specializzata nella progettazione di alloggi dal pavimento al soffitto forniti a questi rifugiati dopo il loro arrivo.

Da quando i talebani hanno preso il potere a metà agosto, portando a una massiccia evacuazione di civili afgani dall’aeroporto di Kabul, il ritmo degli insediamenti è triplicato, spiega Laura Thompson Osori, passando da uno a due, da quattro a sei alla settimana.

I nuovi arrivati ​​ricevono uno stipendio di circa 1.200 dollari dalle autorità federali per l’acquisto di mobili di base come un letto o un tavolo.

Se non accettiamo compromessi su di loro, dovranno pagarselo da soli. Quindi salviamo la base, e oltre, in modo che possano spendere i loro soldi per qualcos’altro”, spiega questa dinamica quarantennale.

READ  Donald Trump | Il leader repubblicano al Senato vuole rinviare il processo di impeachment

L’obiettivo è che “quando i nuovi arrivati ​​entrano nell’appartamento, è come se fossero entrati nella loro casa”, aggiunge Levan Cook, volontario dell’associazione da tre anni.

“Lo teniamo al caldo, con disegni alle pareti” e mobili “coordinati nei colori”, aggiunge.

Comfort e assistenza reciproca

Questa mattina, alcuni civili afgani sono in possesso di speciali visti di immigrazione rilasciati a coloro che hanno lavorato con le autorità statunitensi e che temono rappresaglie talebane.

Dal loro arrivo, la coppia vive in un appartamento Airbnb e presto si trasferirà in un condominio a Riverdale, a est della capitale degli Stati Uniti.

Questa residenza accoglie molti rifugiati, compresi altri afgani che hanno vissuto anche loro il trauma di essere stati sradicati in un paese sconosciuto.

“Era il paese, la gente, la residenza, la cultura, tutto era diverso”, ricorda Masuda Stanikze, 37 anni, arrivata da Kabul nel novembre 2017 con suo marito, traduttore per le autorità statunitensi, e i suoi quattro figli.

“Ma le persone hanno preparato la nostra casa, riempito il frigorifero e abbiamo apprezzato molto e ci siamo sentiti a nostro agio”, spiega questa ex infermiera che vive in un appartamento duplex.

Adattarsi a questa nuova vita è stato “difficile”, ma la famiglia ha potuto usufruire dell’aiuto dei vicini afghani, che intendeva trasmettere ai nuovi arrivati.

Quando si stabiliscono a Riverdale, “siamo felici di accoglierli e chiedere se hanno bisogno di aiuto”, dice la mamma. “Sto guidando, posso aiutarli ad arrivare da qualche parte”, spiega.

“Tutti gli afgani hanno bisogno di aiuto, non possiamo aiutarli lì, ma almeno possiamo aiutarli quando vengono qui. Se chiederanno aiuto, saremo pronti”, dice Masouda.

READ  L'esercito americano ammette di aver ucciso 23 civili nel 2020 in tutto il mondo

Anche le iniziative di donazioni private stanno aumentando in tutto il paese per aiutare gli sfollati a sistemarsi.

“Siamo lì per aiutarli, non sono soli”, spiega Fatima Popal, 41 anni, la cui famiglia possiede diversi ristoranti a Washington e organizza una serie di attrezzature, abbigliamento o beni di prima necessità.

“So che nessuno vuole lasciare il proprio paese”, aggiunge. Ricorda ancora il suo viaggio dall’Afghanistan nel 1987, quando il paese fu occupato dall’esercito sovietico. “Siamo anche profughi, di una guerra diversa”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *