Alan Chauvin. Il film di Yacine Redissi “Tornerò lì”. Melodie di Parigi

Alan Chauvin.  Il film di Yacine Redissi “Tornerò lì”.  Melodie di Parigi

Enrico Tibbi. L’atteso film di Yassine Redisi è in programmazione al cinema Le Balzac di Parigi.

90 minuti di nostalgia, felicità e… lacrime!

Un’informazione che farà piacere a molti Tunes de Paris: il film di Henri Tibbey è finalmente sugli schermi parigini (1). I’ll Be Back C’è attualmente un enorme successo in Tunisia. E tutti coloro – e sono tanti – che attendevano con ansia di vederlo saranno accontentati! Chi è Henri Taibi? Famoso o leggendario! Diciamo una star tunisina! Poeta, artista o anche sognatore incompreso, questo cantante di strada, morto nel 2013, è stato una figura chiave negli anni 70. Intelligente, erudito e atletico, era schietto e parlava con disinvoltura. Inizialmente amichevole, aveva un gruppo di amici. È diventato una stella nella mente di coloro che lo conoscevano. Ancora più sorprendente è che il giovane e dinamico tunisino Yacine Redissi abbia deciso di girare un film su se stesso.

Con “I’ll Be Back There”, questo documentario su Henri Taibi, il cantante dimenticato, Yacine Redissi descrive l’imperfezione creata dall’assenza di ebrei nel suo paese. Il giornalista Martin Goslin ha scritto su Marianne: “Un’opera rara e toccante, che sarà presto proiettata a Parigi al Cinema Balzac e al Museo d’Arte e Storia dell’Ebraismo”. Con la sua squadra si è messo subito al lavoro. In un paesino sperduto, Avilé, vicino a Besançon, vive da anni Henry Tippi. Lì, in una casa abbandonata, alla fine di vicoli innevati, Yacine Redissi e il suo team hanno scoperto fotografie, CD e copertine di 45 giri. Il regista e cantante Slim Ben Ammar indaga sulla vita e l’esilio di Henri Taibi, un cantante ebreo di origine tunisina morto a Besançon nel 2013 in completa indigenza all’età di 83 anni. Tibi cantava nelle strade fresche di questa città nella sua estate sulle spiagge scintillanti degli anni Sessanta, da La Goulette a Sidi Bou Said: “Sogno, sogno… ci tornerò!”

READ  I miei anni migliori - RADICI

La saga di questo vagabondo celeste è diventata un documentario di 90 minuti, che spinge i confini dell’eroe. Non solo fa rivivere la memoria ebraica tunisina attraverso le testimonianze di ex amici e ammiratori di Henri Tippi – Claude Uzanne, Max e Hubert Journeau – ma illumina con intelligenza ed emozione la mancanza che il Paese prova quando ha perso una parte di sé. Nel 1967, al tempo della Guerra dei Sei Giorni, dopo gravi disordini in cui furono bruciate sinagoghe, gli ebrei lasciarono la Tunisia. Vi abitano da più di duemila anni per gli ebrei berberi, da cinque secoli per i sefarditi di Spagna, Portogallo e Italia. A questa terra, sono legati con ogni fibra. Oggi sono rimaste solo un migliaio di persone a Djerba, poiché si è appena svolto il pellegrinaggio annuale a Ghriba, la sinagoga dell’isola vecchia di due secoli. Il giovane Yacine Redissi e il suo team volevano realizzare questo film più di un documentario. Sono sulle tracce di Henri Taybi da più di sette anni. Fin dalla sua celebre apparizione su Facebook, in cui Henri Tibi canta la Tunisia post-rivoluzionaria come a dire che anche la Tunisia gli appartiene. I giovani che non sapevano nulla di questo miscuglio tunisino in mille abbondanze si sono resi conto che per uscire da questi infiniti tormenti la Tunisia doveva riconnettersi con il suo passato e soprattutto restaurare questa storia che Henry Tibi ha creduto di immortalare con il suo canzoni e. Immaginalo per i posteri. “Questi giovani ci dimostrano ancora una volta che la Tunisia sarà salvata dalla sua gioventù, che schiaccerà come con una scopa il tracollo di dodici anni post-rivoluzionari dai risvolti tragici, dove il tentativo di radicalizzazione del Paese e il suo ritorno alla media l’età sarà solo un arco invano e spero che si chiuda una volta per tutte”, testimonia da parte sua la dottoressa Lilia Bouguira, che aggiunge” Grazie mille a tutti voi per questi forti sentimenti per la Tunisia in cui continueremo tutti a cantare e ad amare più di ogni altra cosa, e al di là di ogni cospirazione.

READ  "Prima della pandemia, non sapevo cosa fosse TikTok"

Come ha fatto il 35enne tunisino Yassine Redissi a far rivivere brillantemente una figura pittoresca, Henri Tibi, la star tunisina, un cantante di strada morto nel 2013. Attraverso questo film, è riuscito a ripercorrere lo straordinario viaggio di questo ebreo tunisino il cui obiettivo era quello di far rivivere il comune vivente tra ebrei, cristiani e musulmani. Tutto è iniziato con un video registrato su Youtube. Yassin Redisi era affascinato da questo personaggio, che ha subito un’ingiustizia che doveva essere riparata. Chi non poteva capire che molti ebrei hanno la Tunisia. “La Tunisia ha perso parte del suo DNA lasciando andare gli ebrei”. Tutti i temi delle sue canzoni si riferiscono all’esilio di questa società. “Ha avuto l’arguzia e la sensibilità per esprimerlo e soprattutto per immortalare l’epoca con il suo canto e la sua fotografia”. Yassine Redissi afferma che ciò che ha lasciato è una documentazione incredibile. L’unica prova dell’esistenza di questo periodo. Perché nulla rimane di questo tempo, nessun segno o monumento. Niente. Ecco perché ho voluto, attraverso questo film, le sue canzoni e le sue immagini, riportare indietro questo periodo. Essa sola documenta questo periodo”. A Besançon, Yacine Redisi è venuto a incontrare Remy Fino che era un amico di Henri Taybi, così come Toufic de Planoise. Il blogger Besançon ha combattuto così duramente dopo la morte del cantante che la sua pagina Wikipedia è sopravvissuta. In programma anche un’intervista alla persona che si prendeva cura degli animali di Henry Tippi il giorno dopo la sua morte. Yacine Redisi è venuta anche per incontrare il quotidiano locale, L’Est Républicain. La redazione ha già scritto molto sul cantante di strada. “Nel 2002, i nostri lettori ci informarono che l’uomo era un campione di tennis da tavolo, e che aveva il diritto di stabilire il suo record in “Al-Ahan”, il mondo che viene dagli ebrei della Tunisia. Nuove scoperte devono arrivare con il lavoro del giornalista tunisino La sua musica e le sue immagini fanno parte del patrimonio della Tunisia Una mostra delle sue fotografie per il mese di maggio è in preparazione a Tunisi Un giovane gruppo sta lavorando a un album di cover delle loro canzoni Infine, a Besançon, oggi partecipano anche i giovani perché la via porti il ​​suo nome.

READ  Il curioso caso del crollo della Gran Bretagna

© Alain Chauvin

(1) Al Cinema Le Balzac, Rue Balzac 1st. 75008 Parigi. Visualizza giorni e orari online. Oppure chiama lo 01 45 610253.

Alain Chauvin è giornalista del Nouvel Observateur

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *