A Lot-et-Garonne, un centro di parchi per far dimenticare anni di insuccessi

Una figura del comunismo rurale che dà una pacca sulla spalla a un grosso capo parigino, condivide il sorriso soddisfatto di coloro che sono stati colpiti: vediamo cose divertenti a Lot-et-Garonne, al confine delle Landes. Nel regno dei pini e dei nocciole, a Casteljaloux, è appena cresciuto Center Parcs, il primo in sette anni in Francia, inaugurato giovedì 19 maggio. Frank Gervais, presidente di un gruppo passato nelle mani dei fondi di investimento, può ringraziare Raymond Girardi, il sindacalista contadino ed eletto funzionario locale a cui ha dedicato la caduta della sua vita politica.

È stato questo piccolo coltivatore di grano di 69 anni, già a capo del movimento per la difesa delle famiglie contadine, che nel 2010 ha suggerito a Pierre & Vacances di costruire un parco centrale in questa piccola sezione turistica; Se possibile nella comunità comunale che già presiede, dove inizia la foresta di Landes. Gerard Bremond, all’epoca amministratore delegato e proprietario del gruppo, volle scegliere: «L’estremo sud. »

Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti La triste partenza di Gerard Bremond, fondatore di Pierre & Vacances-Centre Parcs

Il concept di Center Parcs, nato in Olanda, è pensato per le zone prive di sole: come si può giustificare il riscaldamento per tutto l’anno dell’area acquatica, un’area che attrae le famiglie?

La crisi economica è finita. Il progetto Roybon è inciampato a Isere. Gerard Bremond è tornato a Lot-et-Garonne. L’entusiasmo politico si è reso necessario per progetti che richiedevano supporto logistico e finanziario da parte delle autorità pubbliche. Di fronte al comunista Mr. Girardi, al socialista Pierre Camani, il capo del dipartimento, l’assicurazione: “Abbiamo promesso a Raymond: ‘Qui sarà fatto.'” Noi siamo i capi”. Quanti incontri pubblici, adulazione, dimostrazioni quantitative! Il signor Girardi fa i calcoli: “Per otto anni non passava giorno in cui non partecipassi alla difesa di Center Parcs o risolvessi un problema. Ci ho passato la vita”.

Progetti retoqué o interrotti

Questa era una condizione per accettare lo sviluppo nell’era del giusto processo, della democrazia cittadina e “Non nel mio giardino” (“Non nel mio giardino”), che costituisce una totale opposizione ai progetti turistici. Center Parcs, che si sta sviluppando in spazi naturali poco visitati, in aree fino a diverse centinaia di ettari, è vittima di questa particolare consapevolezza.

READ  Saggezza dinamica - Film quotidiani

L’ex Centre Parcs de Roybon è stato convertito in un’area da difendere (ZAD), spingendo Pierre & Vacances a concedere il progetto; Polini (Jura) è stato interdetto in attesa della pronuncia di ricorso del Tribunale Amministrativo di Nancy, dopo aver annullato il Local Urban Scheme (PLU) lasciando il posto al Centro Parchi; Il Russet-Marise (Saône-et-Loire) non è più favorito per provincia o territorio; L’ampliamento del centro Parcs des Bois-France (Eure) è stato impugnato a gennaio dai tribunali amministrativi, sequestrati da un’associazione per la difesa dell’ambiente. L’alta dirigenza del gruppo, in fase di acquisizione, ha rinunciato alla proroga e ha messo nei box i due progetti Borgogna-Franca Contea, senza annunciarne formalmente l’abbandono. “Vista l’attuale ristrutturazione finanziaria, ci sarà una revisione di tutti i progetti. Per quanto riguarda i due, siamo ben consapevoli dell’opposizione. Ha detto il portavoce.

Hai ancora il 66,08% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.