A Doha la comunità internazionale ritrova i talebani, ma senza le donne afghane

A Doha la comunità internazionale ritrova i talebani, ma senza le donne afghane

Domenica e lunedì la comunità internazionale incontra i talebani a Doha. Le Nazioni Unite vogliono vederla come “il vero inizio del processo”, ma per la società civile la conferenza di Doha III “rischia di legittimare l’oppressione” delle donne afghane.

Doha è stata organizzata nel maggio 2023 senza l’invito dei talebani. Nel secondo round di Doha, a febbraio, si sono rifiutati di recarsi lì quando erano stati invitati, sostenendo di essere gli unici rappresentanti del loro Paese, nonostante non fossero riconosciuti da nessun Paese dal 2021.

Per quanto riguarda la conferenza di Doha III, sembra che abbiano vinto la loro causa perché la società civile – soprattutto le donne e le organizzazioni che le sostengono – non avrà voce fino a martedì, il giorno dopo le discussioni formali tra i talebani, le Nazioni Unite e i rappresentanti di circa due dozzine di paesi. Compresi gli Stati Uniti.

“Rispettare le condizioni poste dai talebani per garantire la loro partecipazione rischia di legittimare un sistema di oppressione istituzionalizzata basata sul genere”, afferma Agnes Callamard, presidente di Amnesty International.

Da quando hanno ripreso Kabul nell’estate del 2021, i talebani hanno impedito alle ragazze di accedere all’istruzione secondaria e universitaria, ai parchi, alle palestre e ad alcuni lavori. Le stesse Nazioni Unite parlano di “segregazione razziale tra i sessi”.

“Un precedente molto distruttivo”

“Mettere da parte le questioni fondamentali dei diritti umani sarebbe inaccettabile e creerebbe un precedente molto dannoso”, ha sottolineato la Callamard in un comunicato stampa.

Anche diplomatici e attivisti afghani hanno denunciato l’assenza di temi arrabbiati all’ordine del giorno.

Il ministero degli Esteri del governo talebano insiste che parteciperà proprio perché le discussioni si concentreranno principalmente su questioni bancarie e sullo sviluppo del settore privato.

READ  Accumulo pesante - incidente - congestione sulla superstrada Laurenziana - Notizie

Queste sono due regioni critiche per l’Afghanistan, che è uno dei paesi più poveri del mondo e anche tra i più vulnerabili ai cambiamenti climatici.

Il ministero aggiunge che si discuterà anche di come sostituire la coltivazione del papavero tra gli agricoltori, una campagna che ha recentemente portato a manifestazioni anti-talebane, che a volte hanno provocato morti e feriti.

Per quanto riguarda i diritti umani, i talebani, che hanno bandito tutti i partiti politici, ripetono più volte che i diritti di tutti i cittadini sono garantiti dalla legge islamica, di cui si applica una versione rigorosa.

D’altro canto, 12 donne politiche provenienti da diverse parti del mondo hanno denunciato la “scioccante” esclusione delle donne, che contraddice la Carta delle Nazioni Unite. Gli attivisti chiedono ai partecipanti di boicottare la terza Conferenza di Doha e di organizzare proteste in diversi paesi.

Perché alcuni sono già titubanti: in una lettera alle Nazioni Unite, vista dall’AFP, il G7+ ha espresso la propria “delusione” nei confronti dell’Agenda di Doha III.

“Discutere, non confessare.”

Ma il Sottosegretario Generale delle Nazioni Unite per gli Affari Politici Rosemary DiCarlo ha detto: “Questo non è un dialogo intra-afghano”. “Speriamo un giorno, ma non ci siamo.”

In risposta alle accuse che danno legittimità, ha insistito ancora una volta davanti alla stampa di New York che “questo non è un incontro per il riconoscimento, né un incontro che porta al riconoscimento” del potere dei talebani. “La discussione non significa confessione.”

Ma per Nader Naderi, ricercatore del Wilson Center con sede a Washington, “aspettarsi progressi significativi da Doha (terzo) è illusorio”.

“Alla luce dei precedenti negoziati con i talebani, e contrariamente a quanto crede la comunità internazionale, vedono ogni incontro come un evento isolato e non come una tappa di un processo più lungo”, spiega qualcuno che una volta negoziava con i talebani a spese dei talebani. i talebani. Ex potenza in Afghanistan.

READ  Kenya: Un leader di una setta viene processato con l'accusa di “terrorismo” dopo un massacro nella giungla

Naderi continua dicendo: “Con questa conferenza, stanno “registrando un nuovo successo nel loro desiderio di costringere la comunità internazionale ad accettare di incontrarli secondo le condizioni che si sono posti”.

Pochi giorni fa, il capo della diplomazia talebana, Amir Khan Mottaki, stimava che l’invito a Doha “dimostra che la comunità internazionale comprende ogni giorno sempre di più l’importanza e lo status dell’Emirato islamico dell’Afghanistan”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *