737 Max: la giustizia Usa si prepara ad incriminare l’ex pilota Boeing

I pubblici ministeri federali si stanno preparando a incriminare un ex pilota collaudatore della Boeing accusato di aver manipolato il regolatore, la Federal Aviation Administration, per ottenere la certificazione per il sistema di controllo dietro due tragici incidenti, ha riferito giovedì. Il giornale di Wall Street.

Allora Mark Forkner era un pilota collaudatore per il produttore di aerei, ed era il contatto diretto tra Boeing e la Federal Aviation Administration, l’ente regolatore dell’aviazione civile statunitense.

Secondo i documenti pubblicati all’inizio del 2020, si vantava della sua capacità di ingannare gli interlocutori della FAA nell’ottenere la certificazione per il sistema antistallo MCAS.

Il 737 Max è stato ufficialmente approvato a marzo 2017.

Nell’ottobre 2018 e nel marzo 2019 si sono verificati due incidenti rispettivamente sugli aerei di Lion Air e Ethiopian Airlines, uccidendo 346 persone.

Durante entrambi gli incidenti, il programma di controllo del volo, MCAS, è stato trasmesso sulla base di informazioni false inviate da una delle sonde dell’aeromobile.

Tutti gli altri 737 Max sono stati poi messi a terra per venti mesi, prima di poter riprendere il volo alla fine del 2020, una volta modificato il software.

Boeing ha ammesso la responsabilità della manipolazione da parte delle autorità e ha accettato di pagare più di 2,5 miliardi di dollari per risolvere alcune cause.

Alla domanda dell’AFP, né il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti né l’avvocato di Forkner hanno dato seguito.

Il Il giornale di Wall Street Non specifica in quale città dovrebbe essere commissionato l’ex pilota.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *