“20 anni fa sapevamo che Serbia, Italia, Spagna avrebbero giocato in questo o in quel modo. Adesso fanno tutti più o meno la stessa cosa”

GM della squadra francese, Boris DiawCampione d’Europa 2013, medaglia d’argento 2011 e due volte medaglia di bronzo a Euro (2005, 2015), ha discusso l’evoluzione del basket al microfono di Mozart Sport prima della finale Francia-Spagna, questa domenica (a seguire dalle 20:30 su M6).

“Il basket è cambiato molto. Già, il modo in cui giocano le squadre. Oggi sono tutti a un livello più alto e le squadre stanno facendo molte cose simili l’una rispetto all’altra. Ecco perché il livello generale del basket in Europa e negli Stati Uniti è abbastanza simile. Anche guardando le squadre del nostro continente, la qualità del gioco è abbastanza uniforme. Vent’anni fa sapevamo che la Serbia avrebbe giocato in questo modo, l’Italia in un secondo modo, la Spagna in un terzo e la Polonia in un 4° modo. Adesso tutti fanno più o meno la stessa cosa. In attacco tutti puntano sul pick-and-roll spagnolo o fanno cose tipiche dell’Eurolega. Trovo che oggi sia più difficile prevedere le cose, distinguere ciò che separa una squadra dall’altra.

I preparativi per le partite oggi sono molto più difficili perché tutte le squadre si prendono la responsabilità e fanno ciò che funziona meglio in questo momento T. Se il pick-and-roll è il cosa del momento, tutti ci giocheranno. Se è uno sparatutto da 3 punti, lo stesso. Per questo le squadre sono sempre più omogenee. »

Questo Euro 2022 ha visto successivamente l’eliminazione delle favorite della competizione: la Slovenia di Luca DoncicSerbia Nikola Jokic e la Grecia da Giannis Antetokounmpo.

“Il basket resta uno sport collettivo, che si gioca 5 contro 5, e tutto non può mai dipendere da un solo giocatore. Inoltre, ora più che mai è necessario avere una buona profondità di panchina, 10-12 giocatori capaci nella rotazione per ottenere un buon risultato. Jokic, Luka e Gianins sono grandi giocatori, giocatori incredibili, ma tutti i giocatori devono essere coinvolti nel gioco e giocare bene. Questo vale per tutte le squadre, per tutti coloro che vogliono l’oro. »

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.