Zelensky afferma che solo la “diplomazia” porrà fine alla guerra in Ucraina

Sabato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha sottolineato che la guerra in Ucraina può essere risolta solo con mezzi “diplomatici”, mentre i negoziati tra Mosca e Kiev sono giunti a un vicolo cieco.

• Leggi anche: diretto | L’87° giorno di guerra in Ucraina

• Leggi anche: Il gas russo è stato tagliato dalla Finlandia

“La fine (del conflitto) sarà diplomatica”, ha detto in un’intervista al canale ucraino ICTV. La guerra “sarà sanguinosa, sarà combattiva, ma finirà una volta per tutte attraverso la diplomazia”.

Le discussioni tra Ucraina e Russia si terranno con fermezza. Non so in che forma: con i mediatori, senza di loro, in una cerchia più ampia, a livello presidenziale”, ha detto.

Ci sono cose che potremo ottenere solo al tavolo delle trattative. Vogliamo ripristinare tutto com’era prima dell’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, cosa che “la Russia non vuole”, ha aggiunto, senza entrare nei dettagli.

Il Presidente ha sottolineato che l’esito di questi colloqui – il cui argomento può variare “a seconda dell’ora della riunione” – dovrebbe essere “equo” per l’Ucraina.

Évoquant un document portant sur les garanties de sécurité de l’Ucraina, il a asserté qu’il sera signé par «les amis et partenaires de l’Ukraine, sans la Russie», tandis qu’en parallèle se tiendra «une a discussioni bilatérale Russia”.

Ha anche osservato di aver posto una condizione indispensabile per il proseguimento dei colloqui affinché l’esercito russo non uccida i soldati ucraini rintanati nel vasto complesso minerario dell’Azovstal a Mariupol, nel sud-est dell’Ucraina.

Ha osservato che le forze russe “hanno dato la possibilità e hanno trovato un modo per far uscire queste persone vive” da Azovstal. “La cosa più importante per me è salvare quante più persone e soldati possibile”.

READ  Francia | Eric Zemmour, un candidato alla presidenza? L'estrema destra è turbata

Il 17 maggio il consigliere del presidente ucraino, Mikhailo Podolak, ha osservato che i colloqui tra Mosca e Kiev erano “sospesi”, considerando che Mosca non aveva mostrato una “comprensione” della situazione.

Il giorno successivo, il Cremlino ha accusato l’Ucraina di “totalmente riluttante” a negoziare con la Russia per porre fine all’invasione dell’Ucraina.

Si sono svolti diversi incontri tra negoziatori di entrambe le parti, ma non hanno prodotto risultati tangibili.

L’ultimo incontro tra i capi delle due delegazioni – Vladimir Medinsky dalla parte russa e David Arakhmey dall’Ucraina – risale al 22 aprile, secondo le agenzie di stampa russe.

Dopo non essere riuscito a ottenere il controllo di Kiev e della sua regione, l’esercito russo sta ora concentrando i suoi sforzi su un’offensiva contro l’Ucraina orientale, dove infuriano i combattimenti.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.