ZD Tech: Dimentica l’auto autonoma, l’astronave autonoma sta arrivando!

Ciao a tutti e benvenuti su ZD Tech, il podcast editoriale quotidiano di ZDNet. Il mio nome Nubi di CerereOggi ti spiego Perché un veicolo spaziale autonomo atterra sulla ISS.

Grandi notizie la scorsa settimana, come abbiamo appreso attraverso una serie di articoli che Uber Eats stava passando alla consegna indipendente nella buona città di Los Angeles. E la piccola novità, comunque in termini di numero di articoli, l’Iss è stata per la prima volta alimentata da un’unità indipendente.

Sì, un veicolo spaziale autonomo fornisce alla Stazione Spaziale Internazionale 400 chilogrammi di carico. Il suo bel nome è Starliner e il suo designer è semplicemente il gigante aerospaziale Boeing.

Senza dubbio lasciando che lo Starliner si schianti da solo

Quindi, la navicella spaziale Starliner CST-100, priva di qualsiasi equipaggio, è attraccata quasi da sola alla Stazione Spaziale Internazionale lo scorso venerdì sera. Lo Starliner aveva lasciato la Terra ore prima, alimentato da un razzo Atlas V lanciato da Cape Canaveral, in Florida.

Ma è indiscutibile lasciare che lo Starliner si schianti da solo, soprattutto in questa missione che rimane una prova. Quindi Starliner ha prima eseguito una serie di dimostrazioni del sistema per verificare che il veicolo spaziale fosse “intatto” e potesse manovrare in sicurezza.

Quindi i controllori a terra a Houston, in Texas, hanno utilizzato i sistemi Starliner autonomi per guidare la navicella in orbita. E sulla stazione spaziale, gli astronauti hanno monitorato da vicino l’unità, pronti a controllarla in caso di problemi.

Starliner si è agganciato

Ma si è scoperto che tutto è andato bene. Onestamente, Starliner si è agganciato. Il sistema di aggancio utilizzato dallo Starliner è lo stesso della capsula Crew Dragon di SpaceX. Consente la trasmissione di energia, dati, comandi, aria, comunicazioni ed eventualmente acqua, ossigeno e gas in pressione.

READ  Star Renegades arriva nella versione fisica

Il successo di questa manovra non è stato registrato.

Il volo robotico dello Starliner verso la Stazione Spaziale Internazionale è il culmine di otto anni di lavoro. Questo è il secondo volo senza pilota da Starliner. Il primo volo è stato effettuato nel 2019, ma la navicella ha dovuto tornare sulla Terra prima di attraccare alla stazione spaziale a causa di problemi software.

Questo test di volo ha raccolto principalmente dati per certificare il veicolo spaziale per missioni con equipaggio. Perché sì, lo Starliner può trasportare fino a quattro membri dell’equipaggio. È chiaro che i passeggeri non dovranno guidare l’unità.

In caso contrario, Starliner tornerà sulla Terra questa settimana. Tutto solo come un adulto.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.