“Voleva picchiarmi”, “No, è lui”: Gomez Gasperini, scontro in piazza

In Italia tutti sapevano in un modo o nell’altro che la bella storia tra Alejandro Gomez e l’Atalanta Bergamo non era finita bene lo scorso gennaio. Questa volta, il piccolo dubbio che poteva esserci ancora non era più necessario. Sì, “Papo”, l’ex capitano della Dea, ha litigato con Gian Piero Gasperini, suo ex tecnico e ancora in panchina alla Dea.

Suppongo di non avere una buona posizione durante la partita C1 vs Midtjylland disobbedendo alle istruzioni tattiche, rivelato al quotidiano argentino Nazione. Mancavano dieci minuti e mi dicevano di andare a destra, mentre giocavo bene a sinistra. Gli ho detto “no”. Immagino che quella risposta, durante la partita e davanti alle telecamere, lo abbia idealizzato per arrabbiarsi davvero. Mi ha sostituito la metà delle volte, l’ho capito prima. Ma nello spogliatoio, ha esaurito la sua voglia di attaccarmi fisicamente (…) In quel momento, ho detto basta. Possiamo discutere, ma l’abuso fisico è insopportabile. “

lega

Bellissimo scatto: la Juventus chiude l’arrivo di Locatelli

19 ore fa

Serie A – Atalanta Bergamo: Gasperini-Gomez dietro le quinte del confronto

Non posso più lavorare con questa persona

Successivamente, Gomez ha spiegato di aver incontrato il suo capo, spiegandogli che “non c’è problemaPer continuare la sua storia con Aldea.Ho capito che il mio atteggiamento non era bravo a disobbedire al mio allenatore. Ero un leader e davo il cattivo esempio. Ma ho chiesto delle scuse a Gasperini, rivelare. Il giorno dopo, si è scusata davanti a tutta la squadra. Ma non ho ricevuto nulla da Gasperini. Qualcosa non andava: io ho sbagliato e lui no? Qualche giorno dopo dissi al presidente Percassi che non volevo più giocare con Gasperini. Mi ha risposto che non voleva lasciarmi andare, è iniziato il braccio di ferro: sono stato spazzato via dal gruppo (…) Il capo C***** non ha dovuto chiedere scusa a Gasperini. Ma non è tutto, non volevano vendermi ad un’altra squadra italiana, per paura di rafforzarmi ad un rivale. Grazie a Dio sono arrivato a Siviglia. “

READ  Snowboard | Una giornata in due tappe di Arnaud Judith

E informandolo delle parole del suo ex giocatore, “Gaseb” si è affrettato a rispondere nelle dichiarazioni che gli sono state fornite Gazzetta dello sport : “Il comportamento di Gomez è diventato inaccettabile, sia dentro che fuori dal campo, per il suo allenatore e compagni di squadra. È stato lui ad attaccarmi fisicamente. Ma il vero motivo della sua partenza è la grave mancanza di rispetto per i proprietari del club.. ”

Il nazionale argentino ha voluto smentire questa accusa nell’edizione di Eco Bergamo Questo giovedì, oltre a preservare la sua copia. “Il mio rapporto (con i proprietari) non si è mai fermato: è sempre stato eccezionale. Il giorno della mia partenza ho passato un’ora negli uffici di Berkassi, ci siamo abbracciati e abbiamo pianto insieme. Quel giorno ci fu discussione, non mancanza di rispetto. Gasperini non c’era (…) Non posso più lavorare con questa persona. Continuavo a pensare all’aggressione e non riuscivo a guardarlo negli occhi. C’erano state situazioni simili con i suoi compagni di squadra prima, ma nessuno aveva mai avuto una tale rissa.. “

lega

‘Non permetto a nessuno di fare il mio nome’: CR7 punta sul suo futuro

Ieri alle 19:42

lega

Gli zingari rompono il salvadanaio e reclutano Abraham

17/08/2021 alle 10:55

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *