Vocabolario di base per l’intelligenza artificiale

Bot di chatE profondoE grandi dati, eccetera. Come si possono esprimere questi concetti in francese?

Per rispondere a questa domanda, DataFranca ha pubblicato un glossario 101 parole di intelligenza artificiale: una breve guida alla scienza dei dati di base e al vocabolario dell’IA. Oltre a tradurre i termini chiave del settore, questo libro generalizza i concetti per facilitarne la comprensione.

Questo progetto è stato guidato, per la componente scientifica, da Patrick Drouin, professore di traduzione presso il College of Arts and Sciences dell’Università di Montreal, e Claude Colomb, laureato in fisica e informatica presso l’UdeM.

Si adatta al vocabolario dell’intelligenza artificiale in francese

Rendendosi conto che i termini relativi all’intelligenza artificiale, al machine learning e al deep learning erano scarsi nell’organizzazione no profit francese Il wiki di DataFranca ha raccolto più di 5.500 termini relativi a questi campi di attività. La comunità francofona mondiale di molti studiosi, terminologi e traduttori ha scritto migliaia di file enciclopedici che sono stati sottoposti a peer review. A questo progetto, sostenuto dal Fonds de recherche du Québec e dall’Office québécois de la langue française, hanno contribuito Joshua Bengio, del Mila – l’Istituto per l’Intelligenza Artificiale del Quebec – e Hugo Larochelle, di Google.

Lessico 101 parole di intelligenza artificiale rappresenta il cuore di questo lavoro. Consiste di 101 voci in francese e inglese, presentando i termini usati più di frequente come apprendimento approfondito, albero decisionale o strato di neuroni.

Claude Colomb e Patrick Drouin hanno lavorato in coppia su questo lessico: il primo si è dedicato all’aspetto tecnico, il secondo si è occupato della generalizzazione e dell’aspetto linguistico. “Claude ha discusso i concetti, e poi li ho modificati in spiegazioni comprensibili”, dice Patrick Drouin.

READ  Dopo 15 anni di successi, Michel Bossi si è cimentato nella fantascienza

velocità di lavoro richiesta

“È importante, rapidità di reazione, flessibilità, perché se non andiamo abbastanza veloci, prevarrà l’idioma inglese, e quindi sarà molto difficile tornare indietro e annullare le abitudini”, afferma Claude Colombe.

Pensiamo a molti termini informatici inglesi usati in francese, per esempio set di dati. I linguisti di oggi hanno difficoltà a implementare l’equivalente “set di dati”.

Crea nuovi termini in francese

Alcune parole sono state tradotte quasi alla lettera come chatbot, fornito da “chatbot”, o deepfake Tradotto come “deepfake”.

In alcuni casi sono state mantenute le metafore, come quelle espressive dati minerari, che si traduce in “data mining”.

In altri casi, i ricercatori hanno scelto di rendere più chiara la terminologia: il nome Trasformazione È diventata “rete neurale autonoma” o “rete di auto-risveglio”, che si riferisce a “un’architettura di rete neurale profonda da serie a sequenza ad alte prestazioni. Utilizza il meccanismo dell’attenzione, più precisamente l’auto-attenzione, per sostituire entrambi iterazioni e circonvoluzioni.Inoltre, deriva dall’innovativo lavoro di MILA”, si legge nel glossario.

Vocabolario ben sviluppato

Questo vocabolario è soggetto a modifiche. grandi dati Fino ad ora, è stato tradotto come “big data”. Ora, quando conosciamo quel prefisso mega Viene dal greco che significa “milione” e che oggi parliamo di informazioni che non sono più memorizzate in megabyte [108]ma ha superato un terabyte [109]un petabyte [1015]non ha più senso parlarne grandi dati. Quindi dovremmo parlare invece grandi datidice Patrick Drouin.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *