Vittoria per 1-0 degli spagnoli sull’Italia agli Europei: vicina alla perfezione. – Gli sport

Vittoria per 1-0 degli spagnoli sull’Italia agli Europei: vicina alla perfezione.  – Gli sport

La nazionale di calcio spagnola ha ottenuto la sua migliore prestazione in oltre un decennio, battendo giovedì i campioni d’Europa a Gelsenkirchen e assicurandosi un posto negli ottavi di finale del Campionato Europeo. Gli spagnoli vinsero 1-0 con un risultato che sembrava straordinariamente italiano, ma che non rendeva nemmeno giustizia all’andamento della partita.

Se il portiere italiano Gianluigi Donnarumma non avesse giocato eccezionalmente bene fino agli ultimi minuti, il risultato sarebbe stato decisamente migliore. La Spagna a volte ha minato una delle verità indiscutibili dello sport: non esiste la perfezione nel calcio. Perché non c’era aspetto della partita in cui la Spagna non fosse superiore. Gli iberici si sono qualificati al turno successivo in testa al Gruppo B e sono quindi un potenziale rivale per la squadra tedesca ai quarti di finale.

La Spagna si è avvicinata al suo 41esimo duello contro gli italiani con notevole fiducia. È stato così grande che l’allenatore Luis de la Fuente ha mostrato presto le sue carte. Ha annunciato la sua formazione ottanta minuti prima della partita, dando agli italiani venti minuti in più per prepararsi ad affrontare gli avversari. Secondo il regolamento, deve rivelare la sua squadra solo 60 minuti prima del calcio d’inizio. Prima c’era stata una sorpresa: il difensore centrale Nacho è stato sostituito (presumibilmente per infortunio) da Aymeric Laporte. All’inizio della partita, è iniziato qualcos’altro: in uno scenario che ricorda ancora il suono metallico dei martelli sotterranei, la Spagna ha suonato una sinfonia ritmata. La partitura spagnola deve aver suonato meglio di quella di Puccini o di Verdi, anche alle orecchie italiane.

READ  Juventus Torino-Paris Saint-Germain: Kimpembe e Navas assenti dalla trasferta in Italia

Non c’è un solo italiano in campo che sia migliore degli spagnoli individualmente.

La metà delle volte gli italiani sembravano sospirare un “mamma mia” dopo l’altro, tanto era grande il loro stupore, la loro paura, la loro inferiorità. Non si trattava solo di possesso palla, che ovviamente era appannaggio esclusivo degli spagnoli. L’Italia ha sparato il primo tiro in porta allo scadere del tempo di recupero. Giovanni Di Lorenzo ha inseguito la palla a tre metri dalla porta. In precedenza, gli italiani toccavano la palla solo nell’area di rigore spagnola. Anche nelle fasi difensive gli spagnoli hanno dimostrato di essere eccezionalmente impressionanti e determinati. Non c’era un solo italiano in campo migliore degli spagnoli individualmente.

Ciò significa che il gioco appartiene alla Spagna. Dal 2′ Donnarumma deve respingere un colpo di testa di Pedri dai sei metri; Dopo un cross dell’esterno sinistro Neco Williams, che probabilmente inseguirebbe nel sonno il terzino destro italiano Di Lorenzo. Otto minuti dopo, Williams ha segnato di testa un altro cross da sei yard, ma questa volta è stato crossato dal centrocampista Alvaro Morata.

Al 24′, è ancora Donnarumma a parare un tiro da posizione angolata di Morata, anche se non è stato il tiro a fare l’azione, bensì un dribbling anticipato del 16enne Lamine Yamal, che ha ballato davanti a tre italiani. . In totale, gli spagnoli hanno effettuato nove tiri in porta nei primi 45 minuti. Tra l’altro al 26′ Fabian ha realizzato un altro passaggio meraviglioso di Donnarumma e al 41′ ha mancato di poco la porta da 18 metri.

READ  ATP - Santiago 2023 - Risultati - Hugo Delin vince il titolo - Info sportive - Skateboard

La Spagna continua a premere anche nella ripresa e non si lascia intimidire dal tentativo di Cristante di costringere la capolista spagnola a uscire dal campo. Pedri prima ha provato un retropassaggio del terzino sinistro Cucurella da distanza ravvicinata, poi con un tiro potente dai 20 metri, ma è stato l’italiano Riccardo Calafiore a regalare agli spagnoli un vantaggio più che meritato (56° posto). Williams mette di nuovo in imbarazzo il suo portiere Di Lorenzo, Morata sporge la testa e, poiché il portiere Donnarumma prende la palla solo con la punta delle dita, colpisce il ginocchio di Calafiore – e da lì dietro la linea.

I leader spagnoli non si sono accontentati. Hanno spinto per il secondo gol e hanno avuto più buone occasioni grazie a Morata, Le Normand e Lamalle. Nessuno è stato brillante come Williams al 70′: un tiro ha colpito la traversa destra dalla metà campo sinistra. Luciano Spalletti è cambiato qui, è cambiato là, ma il risultato è stato che la Spagna è rimasta superiore in maniera meravigliosa. Forse più superiore che in qualsiasi altra partita dalla vittoria della finale degli Europei del 2012 contro l’Italia.

La Spagna ha ancora qualche partita da giocare. Ma giovedì è arrivato un messaggio clamoroso: la Spagna è la squadra da battere se vuole diventare campione d’Europa.

#Spagnolo #vittoria #contro l’#Italia #ai #Campionati #Europei #vicino alla #perfezione #nello #sport
1718921029

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *