VIDEO. Le immagini di tre amici che si abbracciano prima di essere travolti da un fiume in piena sconvolgono l’Italia

VIDEO.  Le immagini di tre amici che si abbracciano prima di essere travolti da un fiume in piena sconvolgono l’Italia

l’essenziale
Intrappolati in un fiume in piena, tre giovani amici sono stati filmati nei loro ultimi istanti prima di essere travolti dalle acque. La tragedia scuote l’Italia da venerdì.

Una tragedia ha scosso l’Italia… Tre amici, due donne e un uomo di età compresa tra i 20 e i 25 anni, sono stati travolti dal fiume Natisone a Premariacco, nel nord-est del Paese, questo venerdì 31 maggio. Le piogge torrenziali hanno causato improvvise inondazioni che sorprese i tre amici. I corpi delle due giovani donne sono stati ritrovati senza vita questa domenica, 2 giugno, secondo i media italiani. Il giovane risulta ancora disperso.

L’accesso al fiume è stato vietato

I tre giovani sono stati filmati prima della loro scomparsa. Bloccati su una piattaforma di ciottoli, li vediamo poi aggrappati l’uno all’altro per resistere alla forza dell’acqua che sale rapidamente. Nonostante i loro sforzi per reggersi in piedi, vengono trascinati dalla corrente.

I media italiani riferiscono che i tre amici stavano passeggiando sulla spiaggia del fiume anche se l’accesso era chiuso a causa del rischio di allagamenti. Hanno avuto il tempo di avvisare i servizi di emergenza. Nonostante l’impiego di due elicotteri, gru, decine di sommozzatori e droni, i tre giovani non sono riusciti a salvarsi. Nessuno è riuscito ad afferrare le corde tese dai vigili del fuoco.

Chi sono le tre vittime?

Secondo LaStampa, le vittime sono Patrizia Cormos, italiana di 21 anni, e Bianca Doros, rumena di 23 anni, venuta a trascorrere qualche giorno con i suoi genitori. L’uomo ancora disperso è Cristian Casian Molnar, fidanzato di Bianca, di origini rumene e di 25 anni.

READ  Italia: arresto di due uomini sospettati di finanziare il gruppo Stato Islamico

Il sindaco di Premariacco, Michele De Sabata, è intervenuto in un comunicato pubblicato su Facebook per condividere la sua “infinita tristezza”. Insiste sul fatto che non c’è colpa delle vittime: “I giovani si sono avvicinati alla riva asciutti e con il sole. Pochi minuti dopo, sono stati sorpresi e circondati dalle acque. Se avessero conosciuto il fiume, sarebbero potuti scappare”.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *