Venezuela | L’opposizione accusa Maduro di vendere illegalmente riserve auree

(Caracas) – L’opposizione venezuelana ha accusato il governo del presidente Nicolas Maduro di aver venduto illegalmente oro dalle riserve del Paese per aggirare le sanzioni internazionali e ottenere denaro.


France Media

Le accuse sono state lanciate mercoledì da Julio Borges, il rappresentante del leader dell’opposizione Juan Guaidó, riconosciuto da quasi cinquanta paesi come presidente ad interim del Venezuela.

Burgess ha recentemente visitato Washington per svelare i risultati di un’indagine su Caracas che vende 300 tonnellate d’oro dal 2014, con il presunto coinvolgimento di Russia, Mali ed Emirati Arabi Uniti.

Secondo la mostra, che ha tenuto una conferenza stampa virtuale dagli Stati Uniti, gli Emirati Arabi Uniti sono il “centro nevralgico” di questo contrabbando e Nicolas Maduro ha guadagnato “poco più di un miliardo di euro” nel 2020 grazie a queste vendite illegali.

“Grandi somme di denaro hanno lasciato gli Emirati Arabi Uniti diretti in Venezuela per scambiarlo con oro venezuelano”, ha detto Burgess, che ha presentato i risultati dell’indagine martedì al Tesoro degli Stati Uniti e mercoledì alla Commissione per le relazioni estere del Senato. Ha accusato “questo denaro arriva in Venezuela senza alcuna supervisione”.

In risposta a una domanda dell’Agence France-Presse, il governo venezuelano non ha risposto.

Il Venezuela, le cui riserve auree nella banca centrale sono diminuite di 275 tonnellate dal 2014 per stabilirsi a dicembre 2020 a 85,7 tonnellate, sta affrontando enormi difficoltà di accesso alla liquidità a causa del crollo dei prezzi e della produzione del petrolio, che è stato esacerbato dall’economia statunitense sanzioni.

Il governo sta anche cercando di recuperare 30 tonnellate di oro immagazzinate nella Banca d’Inghilterra, ma l’accesso è negato, con Londra che riconosce Juan Guaidó come presidente ad interim.

READ  Un orso attacca una donna attraverso una botola del bagno all'aperto

Julio Borges, che afferma di avere “documenti, foto e video” a sostegno delle sue accuse, ha confermato che il lingotto è stato inviato dal Venezuela su un aereo russo diretto a una raffineria in Mali “in modo che non ci sarebbe traccia indicante che fosse venezuelano oro.”

Una volta scongelato, viene caricato su un altro aereo proveniente dagli Emirati Arabi Uniti […] Contanti in cambio […] Caricato a bordo dell’aereo russo, “che” “ritorna in Venezuela”, spiega l’avversario.

Secondo Julio Borges, che ha indicato che le indagini sono iniziate grazie alle informazioni fornite da un ufficiale militare, anche la Libia e la Svizzera sono destinazioni per l’oro venezuelano, e due francesi che lavorano per la società finanziaria degli Emirati Arabi Uniti Noor Capital partecipano a questi scambi.

L’avversario ha esortato Washington a indagare sulla questione.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *